Islam, Renzi stringe accordi con l’Ucoii e condanna la nostra civiltà

 

imam-elzir-renzi-ucoii

Il governo Renzi si appresta a sottoscrivere la prima Intesa dello Stato italiano con l’islam con l’Ucoii (Unione delle Comunità e Organizzazioni Islamiche in Italia), sigla che rappresenta ideologicamente i Fratelli Musulmani, movimento estremista islamico messo fuorilegge in Egitto, Arabia Saudita ed Emirati Arabi, il cui motto recita: «Allah è il nostro obiettivo. Il Profeta è il nostro leader. Il Corano è la nostra legge. La guerra santa è il nostro sentiero. Morire lungo il sentiero di Allah è la nostra massima aspirazione». Ai Fratelli Musulmani aderisce Hamas, il gruppo terroristico islamico palestinese condannato dall’Onu e dall’Unione Europea.

L’Intesa con l’Ucoii potrebbe avvenire contemporaneamente a una seconda Intesa con la «Confederazione islamica italiana», presentata in pompa magna il 12 maggio scorso, gestita dal Marocco i cui cittadini formano la metà del milione e mezzo di musulmani in Italia.

Le tappe del riconoscimento dell’Ucoii come rappresentante dei musulmani in Italia sono state cadenzate il 5 novembre 2015 dalla firma di un protocollo d’intesa tra il presidente dell’Ucoii Izzedin Elzir e il capo del Dap (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria) Santi Consolo, per favorire l’accesso di mediatori culturali e di ministri di culto islamici negli istituti penitenziari.

Il 10 maggio di quest’anno a Catania Elzir ha denunciato che «con il mondo islamico non si fa un’intesa perché si dice manchi una rappresentanza unica, in realtà si tratta di una scusa. Perché con i protestanti è stato possibile fare degli accordi».

Lo scorso 30 luglio, alla vigilia della partecipazione degli imam alla messa nelle chiese in Italia, Elzir ha chiesto «un gesto di coraggio al governo Renzi: firmiamo ora l’intesa tra lo Stato e la fede musulmana prevista dall’articolo 8 della Costituzione. Con l’8 per mille potremmo avere finanziamenti per garantire la formazione dei nostri imam totalmente in Italia, eviteremmo fondi stranieri per la realizzazione delle moschee, potremo attivare progetti di lavoro e assistenza nelle carceri».

La verità è che l’islam non ottempera a nessuna delle due condizioni previste dall’articolo 8 della Costituzione per riconoscere le religioni come «egualmente libere davanti alla legge». Nel 2000 finì tra i litigi l’esperienza del «Consiglio islamico d’Italia», formato nel 1998 tra l’Ucoii, il Centro islamico culturale d’Italia e la Lega musulmana mondiale-Italia, costituito proprio per firmare un’intesa con lo Stato.

Sarebbe un errore madornale affidare le sorti dei musulmani in Italia all’Ucoii. L’islam non può essere messo sullo stesso piano del cristianesimo. Piaccia o meno la convivenza con i musulmani può avvenire solo in un contesto di laicità, in cui dobbiamo chiedere loro di rispettare le leggi dello Stato, di ottemperare alle regole della civile convivenza, di condividere i valori che sostanziano la nostra civiltà: la sacralità della vita, la pari dignità tra uomo e donna, la libertà di scelta. Tutto ciò è incompatibile con l’islam. Quindi «sì» ai musulmani come persone ma «no» all’islam come religione.

Magdi Cristiano Allam – - magdicristianoallam.it

L’Italia pronta a riconoscere l’islam scavalcando la Costituzione



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -