Iraq, “Il califfo al-Baghdadi è fuggito da Mosul”

 

al-BaghdadiErbil (Iraq) – Il ‘califfo’ Abu Bakr al-Baghdadi è fuggito dalla città irachena di Mosul, roccaforte dell’Isis in Iraq da settimane nella morsa delle forze governative. A dare l’annuncio è stato il governatore della provincia di Ninive, Nofal Hamadi al Sultan, aggiungendo che la sconfitta definitiva dei jihadisti sunniti è “imminente”. Il governatore di Ninive, la cui capitale è proprio Mosul, ha rivelato nel corso di una conferenza stampa di avere “informazioni confermate sulla fuga del leader di Daesh (l’acronimo in arabo per Isis) da Mosul”.

Secondo Sultan, l’ultima registrazione audio diffusa da al-Baghdadi, lo scorso 3 novembre, indica che si trova fuori dalla città. Non ha però spiegato come sia arrivato alla sua conclusione. Nell’audio il ‘califfo’, nel chiaro tentativo di animare le fila dei suoi uomini, spronava i combattenti a resistere. Il governatore non ha detto dove possa trovarsi né tantomeno se sia fuggito a Raqqa, la capitale jihadista in Siria, come altri capi e combattenti del gruppo. A Raqqa, ha assicurato, si sono trasferiti i principali capi dell’Isis e i combattenti di nazionalità straniera, mentre a Mosul- secondo Sultan- rimangono solo i jihadisti iracheni.

Nella conferenza stampa, tenuta nella sede temporanea del municipio di Erbil, il governatore ha assicurato che la sconfitta di Isis è imminente e che le forze irachene avanzano “rapidamente” per recuperare la citta’. AGI



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -