Filippine, presidente: macché diritti umani, uccidere i trafficanti di droga

 

rodrigo-duterteChi se ne importa dei diritti umani? E’ questa l’affermazione con la quale il presidente filippino Rodrigo Duterte ha promesso di mantenere il suo ordine di sparare a vista i trafficanti di droga, in un giro di vite contro la criminalità. Circa 800 persone sono state uccise da quando Duterte ha vinto ampiamente le elezioni a maggio, secondo le notizie diffuse dalla stampa locale.

“Questa campagna ‘spara per uccidere’ rimarrà fino all’ultimo giorno del mio mandato, sei io sarò ancora vivo allora”, ha detto il leader 71enne in una conferenza stampa nela sua città meridionale di Davao. “Potete starne certi: a me non importa nulla dei diritti umani”, ha aggiunto. Duterte ha inoltre detto che gli esponenti del governo che abusano della loro posizione per fare narcotraffico sono i primi nella sua lista e ha garantito ai soldati e poliziotti la sua “garanzia ufficiale e personale” di immunità se uccideranno durante l’espletamento delle loro funzioni. Il presidente inoltre ha respinto l’accusa che almeno 402 delle uccisioni avvenute da parte della polizia dopo il suo arrivo al potere siano state esecuzioni sommarie. Centinaia di altre pefrsone sono state uccise da vigilantes.

“L’Ufficio delle Nazioni unite sulla droga e il crimine resta profondamente preoccupato dalle notizie di uccisioni extragiudiziali di sospetti trafficanti e utilizzatori di droga nelle Filippine“, ha commentato il suo direttore esecutivo Yury Fedotov. “Mi unisco al segretario generale – ha aggiunto – nel condannare l’apparente sostegno alle uccisioni extragiudiziali, che sono illegali e una violazione dei dirri ti fondamentali e delle libertà”. (Fonte Afp)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Filippine, presidente: macché diritti umani, uccidere i trafficanti di droga”

  1. Magari l’avessimo qui un Duterte!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -