Pentagono costretto ad ammettere: ci siamo sbagliati, il terrorista Deso Dogg è vivo

 

Deso-Dogg2

Deso Dogg è vivo: il Pentagono ha ammesso di avere erroneamente dato per morto il rapper di origini tedesche, dichiarato ucciso in Siria il 16 ottobre. Deso Dogg, al secolo Denis Cuspert, sarebbe invece sopravvissuto al raid nei pressi di Raqqa.

All’epoca, la nostra convinzione era che il raid avesse avuto successo. Ora sembra che la valutazione non fosse corretta e Denis Cuspert è sopravvissuto al bombardamento”, ha detto ieri sera il portavoce del Pentagono Adrian Rankin Galloway, senza dare dettagli a supporto del dietro-front e assicurando che gli Usa continueranno a colpire terroristi come Cuspert, che “complottano, mettono a segno o ispirano attacchi contro l’Occidente e i nostri alleati”.

Le dichiarazioni del Pentagono, commenta il New York Times, pongono fine a mesi di illazioni e dubbi seminati on line, in buona parte da fonti di intelligence tedeschi sulla sorte dell’uomo definito dal Dipartimento di Stato “terrorista globale”. I servizi tedeschi d’altronde non hanno mai confermato la morte di Deso Dogg. I sostenitori dell’Isis, spesso in lingua tedesca, hanno continuano in questi mesi a sostenere che il rapper-terrorista non è mai stato ucciso.

Deso Dogg ha oggi 40 anni, si unì all’Isis nel 2012, occupandosi in particolare di reclutamento di nuovi “soldati” tramite i social network, sfruttando la sua notorietà per attirare giovani. Nato a Berlino da madre tedesca e da un ghanese, bambino problematico cresciuto da un ex soldato Usa dopo l’abbandono da parte del padre, arrivò a una certa notorietà in Germania con il rap, per poi passare ai ‘nasheed’, i canti islamici tradotti in tedesco.Prima di lasciare la Germania fu accusato di avere ispirato un attacco contro due soldati americani. Dopo l’arruolamento nell’Isis, è comparso in numerosi video e messaggi della propaganda del Califfato.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -