E’ italiana, lucchese e… bianca, le tolgono residenza e medico di famiglia

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera che denuncia la vergognosa discriminazione posta in essere nei confronti di lucchesi e italiani che si vedono persino privare del medico di base e della residenza

Paola-Palmerini

giovedì, 28 luglio 2016, 11:59

di Paola Palmerini

Sono Maria Paola Palmerini, una signora cinquantenne lucchese. Divorziata dal 2003. Vivo sola in compagnia di un gatto persiano. Ho una esperienza assicurativa ventennale, avendo lavorato sia nelle agenzie come amministrativa, sia come dipendente di Fondiaria-sai, in ispettorato sinistri, dal 1998 al 2008.

Appunto nell’agosto del 2008, decido di mollare tutto per aprire una mia attività imprenditoriale. Apro una boutique di abbigliamento e calzature dove con la registrazione di due miei brands, produco anche abbigliamento i di sartoria.

Purtroppo a breve, con questa crisi studiata al tavolino, vengo spazzata via, con me viene spazzato via anche tutto ciò che avevo costruito in una vita. Perdo tutto, subisco lo sfratto della mia bella casa, tutto viene smantellato senza pietà.

Mi ritrovo da diversi anni, dopo aver fatto anche un gesto inconsulto dalla disperazione, a muovermi con pezzi di vita al seguito che perdo strada facendo. Tutti lavori precari.

Inizio a vivere in stanze in case condivise, un calvario.

Nelle mie condizioni è il Comune di Lucca che mi suggerisce di vivere in case condivise, usufruisco di contributi per circa 6 mesi per ben due volte, affittando una camera in case condivise. In questo mio peregrinare, subisco di tutto, dai furti alle risse coi conviventi. Una triste realtà che non avrei mai voluto conoscere.

Faccio più volte il lavoro di badante, se si può definire un lavoro! Tutto è precario, questo modus vivendi rende anche la vita precaria.

Giusto per non dilungarmi troppo nei dettagli, voglio raccontare gli ultimi fatti che mi hanno sospinto a scrivervi, perché ho bisogno di aiuto!

Pochi giorni fa, ho finito un lavoro di assistenza domiciliare ad una signora anziana Lucchese, un lavoro per un mese, sostituivo la badante in ferie. Questa famiglia mi ha messo a dormire in una cantina, mi hanno messo una branda con un materasso, tra biciclette, motocicli e odore di scarpe sporche, senza servizi igienici.

Finito questo lavoro, con quei pochi soldi guadagnanti in nero, ho alloggiato in struttura ricettiva, ma ben presto fuori anche da quella struttura per prenotazioni turistiche.

E’ estenuante una vita così!

Ho richiesto aiuto al comune di Lucca, spiegando nuovamente la mia drammatica situazione.

Premetto che alcuni mesi fa, lo staff dell’ufficio casa del comune di Lucca, mi aveva promesso un’aiuto economico se trovavo un’appartamento in affitto. L’aiuto consisteva, nel versamento della rata in deposito cauzionale, ed il versamento della prima mensilità. Ma come può una persona senza referenze trovare chi le apre le porte di casa? Non ero riuscita a trovare niente, essendo disoccupata e con lavoretti di poche ore in nero.

Sono riuscita solo in questi giorni, attraverso le amicizie Lucchesi a trovare un piccolo appartamento in affitto, il proprietario voleva per iscritto ciò che mi aveva promesso il comune.

Et voilà.

Contatto l’ufficio casa comunicando i nuovi eventi ed in tutta risposta dalla dott.ssa Masotti, ricevo calci negli stinchi.

La dott.ssa Masotti è l’assistente sociale dell’ufficio casa che sostituisce la signora Nani’ Federica, con la quale avevo preso accordi, insieme all’assessore Sichi Antonio e Aldo Intaschi.

La gentile signora, mi comunica che nel contempo sono cambiati i regolamenti e quindi non esiste più alcun aiuto per la sottoscritta.

Piangendo, la supplico. Sono fuori casa, non so più dove alloggiare.

Ed in tutta risposta mi dice:

Compili il bando per le case popolari da consegnare in ottobre prossimo, ed acceda al contributo regionale previsto per luglio 2017, per quest’anno ormai non è più in tempo.

Beh! La simpatica signora insieme alla giunta anti italiani, stanno col culo al caldo, non hanno nemmeno idea, cosa voglia dire perdere tutto.

Ho trovato ospitalità da poche ore in casa di un mio conoscente fuori Lucca. Ho evitato la strada!

Le istituzioni, troppo impegnate ad importare immigrati, loro rendono, io sono da buttare nel cesso, andavo bene fintanto che pagavo le tasse, ed io le ho sempre pagate, sia nel lavoro da dipendente, sia nel lavoro imprenditoriale.

Questa mattina, ho contattato il mio medico per fare esami di routine, per la patologia alla tiroide.

HO SCOPERTO DI NON AVERE PIU’ L’ASSISTENZA SANITARIA. Il mio medico non se l’è sentita di farmi l’impegnativa per gli esami del sangue, anche lui è rimasto perplesso.

Il comune di Lucca, mi ha cancellato la residenza e quindi di conseguenza non ho più nemmeno assistenza sanitaria.

Però il primo immigrato che tocca terra italiana, viene soccorso e aiutato. IO NO! Loro hanno assistenza sanitaria, gli danno oltre al vitto e alloggio, paga e pensione.

In questo paese, qualcosa non torna.

Vengono tacciati di razzisti, fascisti chi si ribella a questo sistema, proprio da chi è razzista contro il proprio popolo.

Non chiedo la luna, chiedo attraverso i vostri programmi, che queste nefandezze vengano riportate alla luce.

La vita è una, non concede repliche, questi criminali, non hanno alcun diritto nel renderla così difficile e discriminatoria.

Sono una donna con tante belle caratteristiche, sono di bell’aspetto e non mi considero una stupida.

Vivo forse nel paese sbagliato? La mia colpa è di non avere più 20 anni? Ho pensato più volte di fuggire via da questo paese, non è giusto. I nemici si combattono, non si fugge via!

Aiutatemi, non chiedo altro.
Ho ancora la mia dignità e con le pezze al culo non cammino, ero una signora e nell’animo lo sono ancora.
Voglio andare in TV reti nazionali.
Aiutatemi

 



   

 

 

8 Commenti per “E’ italiana, lucchese e… bianca, le tolgono residenza e medico di famiglia”

  1. Che dire! la Signora ha tutta la mia solidarietà e stima, anche se so che non conta nulla, anche perchè non ho mezzi per aiutarla, mi spiace dire che con gli attuali politici che sono contro gli Italiani, non ci caverà un ragno dal buco, quello che le e successo e Allucinante! togliendogli l’assistenza Sanitaria non so se e lecito farlo? secondo me in rete Nazionali RAI non ci pensi proprio, non la faranno nemmeno entrare, perchè non vogliono che dicendogli la verità qualche politico si arrabbierebbe siamo vicini al si e no!

  2. Questa sfortunata signora ha tutta la mia simpatia e solidarietà,ma purtroppo Lucca è amministrata da quel partito che ama tanto gli italiani!

  3. Cara Maria Paola a me è successo lo stesso.ti capisco perfettamente e ti abbraccio.vai in comune e chiedi la residenza per i senza fissa dimora che loro sono obbligati a darti poi il tuo dottore ti deve fare un documento dove lui attesta che desidera continuare a seguirti ,dopodiché vai alla ASL e ti disegni dal tuo dottore ,naturalmente dovrai rifare la carta di identità e scoprirai anche che sei stata da modellata dalle liste elettorali ,ma ti iscriveranno dopo che ti avranno dato la residenza presso l assistente sociale che sarebbe la casa comunale dimora collettiva fantasma pero almeno potrai avere la sanità e i documenti in regola ,un abbraccio forte e tieni duro ,c e di peggio

  4. Non e’ possibile tutto questo,ma in che nazione siamo?

  5. Scrivi alla Barbara d’Urso anche se particolare forse ti invita nel suo programma…girale questa lettera..prova..in bocca al lupo!!!!

  6. Tutta la mia solidarieta’ a questa signora. Non possiamo abituarci a situazioni come queste che oggi, in un Paese di buonismo ipocrita, sta diventando la normalita’. Cara Maria Paola, non mollare mai, tanta gente onesta ti e’ vicina.

  7. luca spalletti

    A parte le ovvie considerazioni su questo e altri casi (i lettori di questo sito credo abbiano grosso modo le mie stesse idee sulle politiche di questo governo e della UE), non sarebbe il caso di formare una associazione, facente capo ad un blog, per mettere in contatto tutte le persone che stanno perdendo diritti, mezzi, posizione, e farne un ente con attivisti e dirigenti, che contatti regolarmente giornali, sindacati e partiti politici?

  8. Corvini Orlando

    Quello che posso suggerire a questa signora e di recarsi a Lampedusa o dove sbarcano gli immigrati ed al primo sbarco infiltrarsi tra di loro, ma forse c’è un picolo problema, il colore della pelle che probabilmente anche senza documenti gli riuscirebbe difficile spacciarsi per una di loro.
    A parte tutto le faccio i miei migliori auguri di riuscire a cavarsela.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -