Sla: 500 malati gravi senza contributi, Usala di nuovo in sciopero della fame

 

usala

CAGLIARI, 11 LUG – Nuova protesta estrema del malato di Sla, Salvatore Usala, segretario del Comitato 16 novembre, che in sciopero della fame e della sete si è presentato davanti all’Assessorato regionale della Sanità per sollecitare il rispetto degli impegni presi dopo l’ultimo presidio, lo scorso maggio.

In particolare sotto accusa ci sono i nuovi criteri per il calcolo del punteggio che dà diritto ai contributi sul progetto di assistenza Ritornare a casa. Secondo Usala con questi criteri resterebbero esclusi dai contributi 500 malati gravi. “Siamo in attesa di risposte da un mese e solo ieri alle 20 ci hanno comunicato che avrebbero fatto quello che ci avevano promesso – spiega Usala -.

Sanità: tra italiani e immigrati gravissima disparità, al limite dell’indecenza

Ci sono anche dei ritardi sulle risorse trasferite ai Comuni e sui corsi per i cargiver, cioè quelle persone che si prendono cura di tutte le esigenze del malato”. L’incontro con i vertici dell’Assessorato è fissato per questa sera. Nel frattempo Usala ha annunciato che rimarrà in presidio sino al momento del confronto.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -