Sla: 500 malati gravi senza contributi, Usala di nuovo in sciopero della fame

 

usala

CAGLIARI, 11 LUG – Nuova protesta estrema del malato di Sla, Salvatore Usala, segretario del Comitato 16 novembre, che in sciopero della fame e della sete si è presentato davanti all’Assessorato regionale della Sanità per sollecitare il rispetto degli impegni presi dopo l’ultimo presidio, lo scorso maggio.

In particolare sotto accusa ci sono i nuovi criteri per il calcolo del punteggio che dà diritto ai contributi sul progetto di assistenza Ritornare a casa. Secondo Usala con questi criteri resterebbero esclusi dai contributi 500 malati gravi. “Siamo in attesa di risposte da un mese e solo ieri alle 20 ci hanno comunicato che avrebbero fatto quello che ci avevano promesso – spiega Usala -.

Sanità: tra italiani e immigrati gravissima disparità, al limite dell’indecenza

Ci sono anche dei ritardi sulle risorse trasferite ai Comuni e sui corsi per i cargiver, cioè quelle persone che si prendono cura di tutte le esigenze del malato”. L’incontro con i vertici dell’Assessorato è fissato per questa sera. Nel frattempo Usala ha annunciato che rimarrà in presidio sino al momento del confronto.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -