Senegalese devasta la caserma dei CC, giudice lo libera

 

carabinieri-ARRESTONon sono bastate due porte scardinate nella cella della caserma dei carabinieri, un militare picchiato, un computer divelto e una scrivania sfasciata. Il giudice ha “graziato” l’immigrato africano che era stato arrestato dopo aver importunato alcune persone a Parma.

Per ammanettare il 22enne senegalese, riporta la Gazzetta di Parma, ci sono voluti ben 10 carabinieri. E l’hanno bloccato con non poche difficoltà. Una volta portato nella camera di sicurezza della caserma dei carabinieri, l’africano si è ribellato alle manette, fracassando tutto quello che gli è capitato sotto mano. Due porte, un computer, una scrivania e anche il volto di un militare. Durante la colluttazione, infatti, uno dei carabinieri è rimasto ferito.

Il migrante, alla fine, è stato portato in tribunale. Il giudice lo ha sì condannato, ma ad appena un anno e mezzo, lasciandolo così libero di tornare a casa del fratello. Il giovane si è giustificato dicendo che era appena arrivato su un barcone dal Senegal, con l’obiettivo di raggiungere il fratello che abita appunto a Parma. Alla vista dei carabinieri, ha detto, si sarebbe spaventato . E così avrebbe sfasciato tutta la caserma.

Il giudice così lo ha condannato a un anno e mezzo. E lo ha lasciato libero. Anche se, tecnicamente, è un clandestino. IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -