Giudice deposita in ritardo sentenze e motivazioni: i mafiosi tornano liberi

 

Gli esponenti della ‘ndrangheta vengono condannati in primo grado e in appello, ma il giudice non deposita la sentenza. Un ritardo di undici mesi che ha portato alcuni condannati nell’inchiesta denominata “Cosa Mia” iniziata nel 2010 a Reggio Calabria a tornare in libertà. Tra loro c’è Teresa Gallico, condannata a 17 anni e 5 mesi di carcere.

legge-uguale

Oggi il quotidiano La Stampa scrive che il processo nato dall’allora procuratore Giuseppe Pignatone, ora procuratore a Roma, era nato da una sanguinosa guerra di mafia tra gli anni Ottanta e Novanta per il controllo delle cosche della ‘ndrangheta sui lavori dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, dove chiedevano una tangente del 3% alle imprese spacciandola per “tassa ambientale” o “costo sicurezza”. Si fa il processo, mobilitando i reparti speciali per la delicatezza e la pericolosità della materia, e nel 2013 arrivano 42 condanne per 300 anni di carcere. Tutto confermato in appello, a luglio 2015.

Poi c’è il passaggio in Cassazione. E i tempi per fare tutto, prima che scadano i termini della custodia cautelare (sei anni), ci sono, visto che i boss sono stati arrestati nel giugno 2010. Peccato che i termini siano scaduti una settimana fa senza che alla Suprema Corte siano neanche arrivate le carte, ferme in Corte d’Assise a Reggio perché il giudice non ha depositato le motivazioni. Dopo undici mesi. Il risultato: tre imputati con doppia condanna per associazione mafiosa sono liberi. Altri dieci erano usciti sempre per scadenza dei termini della custodia cautelare.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -