Renzi regala 20 milioni di euro al Pakistan per la coltivazione dell’olio d’oliva

 

Gli agricoltori sono nuovamentein rivolta, per l’ennesima assurdità italiana. Il Belpaese, infatti, per mezzo della Cooperazione italiana allo sviluppo del Ministero degli affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha stanziato ben 20 milioni di euro per dare assistenza tecnica allo sviluppo dell’olivicoltura in Pakistan.

olio-tunisino

La denuncia degli agricoltori dell’olio

A lanciare l’allarme è stata la Lega della Terra nel suo sito internet. “Mentre le nostre tavole sono invase dall’olio tunisino, marocchino e spagnolo di pessima qualità – si legge nella nota diffusa online – il Governo Italiano, invece di sostenere gli agricoltori italiani, finanzia altre nazioni. Il Pakistan grazie all’Italia investirà della produzione di olio ben 37 milioni di euro, mentre l’Italia per la sua agricoltura arriverà a malapena a 32 milioni“. Insomma, i nostri agricoltori sono sommersi dalle tasse, dalle malattie come la Xylella che mettono in ginocchio un intero settore, sono insidiati dalla concorrenza tunisina, e si vedono anche scavalcare dai pakistani.

La Lega della Terra si chiede come sia possibile che il Governo Italiano non intervenga a sostegno dell’agricoltura nazionale, in particolare modo nel campo olivicolo”.

L’annuncio dell’ambasciatore e l’ostilità dei pakistani

E in effetti, risalendo alle dichiarazioni dell’ambasciatore italiano in Pakistan, Stefano Potecorvo: In Pakistan “vi e’ una nascente olivicoltura (…) – si legge in una intarvista all’Ice – che la nostra Cooperazione sta accompagnando con un progetto di assistenza tecnica di circa 20 milioni di euro, volto a trasferire il nostro know – how, ed i nostri macchinari, verso questo Paese”.

Senza contare che l’Associazione Nazionale Italia-Pakistan non ha preso bene la notizia, considerando l’investimento un buon modo per buttare via dei soldi. “Grandissimo errore del governo italiano – scrivono in una nota su Facebook – un investimento che poteva essere evitato o dirottato in settori più utili. La popolazione della Repubblica Islamica del Pakistan non ha nel proprio regime alimentare l’utilizzo dell’olio d’oliva, anzi entra in contrasto con la maggior parte dei piatti tradizionali. Far cambiare usanze culinarie a oltre 220 milioni di abitanti sembra difficile…”.

IL GIORNALE



   

 

 

3 Commenti per “Renzi regala 20 milioni di euro al Pakistan per la coltivazione dell’olio d’oliva”

  1. Purtroppo sono finiti i veri uomini o meglio dire i veri Italiani, ora ci sono solo dei Qxxxxxxxxxà ed ecco i risultati ma una manifestazione con gli attributi mai vero?

  2. Roba da matti! Se uno lo racconta, non ti credono!

  3. Non entro in merito all’arte culinaria del Pakistan.! … se proprio doveva essere fatto un contributo; a mio avviso sarebbe stato meglio che avesse fatto un contratto con la Camera di Commercio di Pistoia e di Lucca ->oppure con la Regione< Ovvero; quella "fascia" della Lucchesia ed arriva a Pistoia . "Ricca di Vivai" produttrici di ogni tipo di alberi. – Quelli tipo di oliva (vi sono vari tipi piante produttrici di olive) avrebbe risolto, eventuali ristrizioni, economiche produttrici.- in loco- ed aiutato il Pakistan. !
    I DENARI SONO NELLA SUA PORTATA LA COMPOSIZIONE DEL SUDORE DI UN POPOLO-!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -