“Draghi come gli orchestrali del Titanic: suona i violini mentre la nave affonda”

 

draghi-faccia

Il presidente della Bce Mario Draghi, che anche oggi – a differenza del presidente della Fed- ha lasciato invariati i tassi di interesse di riferimento, confermando il costo del denaro a zero, al minimo di tutti i tempi in vigore da marzo 2016, mentre il tasso sui depositi marginali resta a -0,4%, e quello sui prestiti marginali a 0,25%, ricorda gli orchestrali del Titanic, che continuavano a suonare i violini mentre la nave, giudicata inaffondabile, si inabissava a picco negli oceani.

Tutti gli indicatori economici Ue ed internazionali, certificano il totale fallimento delle politiche monetarie di Draghi e Bce, che oltre ad aver provocato la più grave recessione della storia condita da sfiducia, austerità, peggioramento delle condizioni di vita e deflazione, ha innescato un rifiuto popolare nell’Europa delle oligarchie, burocrazie e cleptocrazie finanziarie e della Troika, come dimostra il Brexit con l’imminente uscita degli inglesi dalla gabbia europea con il referendum di giugno.

Errare è umano, perseverare è diabolico, e Draghi e la Bce, mentre crolla la fiducia nell’Europa dei banchieri e nella funzione salvifica della finanza, non può continuare a difendere una politica monetaria sbagliata, come ha fatto oggi al termine del consiglio di politica monetaria, che si è tenuto a Vienna, con tassi che resteranno ai livelli attuali o più bassi per lungo tempo.

Draghi dovrebbe prendere atto, che il piano di acquisto di titoli pubblici e privati da 80 miliardi al mese (il Quantitative easing), che continuerà fino al marzo 2017 fino a che il Consiglio direttivo non vede un aggiustamento nel percorso dell’inflazione compatibile con un ritorno verso l’obiettivo, di poco sotto il 2% annuo, non ha raggiunto gli obiettivi sperati, anzi è fallito con la modesta ripresa economica ostacolata dalle prospettive deboli dei mercati emergenti.

Le alchimie della Bce, che ha alzato le stime del Pil dell’Eurozona nel 2016 a 1,6% (da 1,4%), mentre per il 2017 conferma la crescita a 1,7%, mentre è stata limata a 1,7% da 1,8% precedente la previsione sul Pil per il 2018, con «la prospettiva dell’inflazione rivista leggermente più in alto per riflettere i leggeri aumenti del prezzo del petrolio a + 0,2% per il 2016 (in precedenza stimata allo 0,1%), 1,3% per il 2017, 1,7% per il 2018, non bastano più.

Se Draghi e Bce, che hanno la grande responsabilità di evitare la rottura del modello Europa, vogliono dare un segnale positivo, hanno l’obbligo di annunciare un aumento dei tassi di riferimento Bce, portandoli all’1% a fine anno, seguendo la scia della Fed, per combattere la deflazione e restituire fiducia ai risparmiatori. (Adusbef)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

3 Commenti per ““Draghi come gli orchestrali del Titanic: suona i violini mentre la nave affonda””

  1. Un post con il solito elenco di panacee e supposte è il mondo della rivincita e della ripicca da cambiare (sciogliere il cristianesimo e oscurare mediaset e….le donazioni).

  2. Ferro Roberto

    Draghi si è laureato presentando una tesi di laurea in cui dimostrava come una moneta unica portasse a disuguaglianze sociali, povertà, austerità, e crisi economica.
    Draghi sa di non poter far nulla contro il fallimento dell’ euro, sta solo reggendo il gioco posticipano il più possibile la fine della moneta unica e lo fà perché sa benissimo che quando ciò accadra, sia lui che tutti i sostenitori dell’ euro, se gli va bene, se ne andranno a casa.

  3. Walter Julius

    L’Europa ė un fallimento perché voluto , i poteri forti stanno portando un nuovo ordine mondiale che prenderà il comando appena crolla il sistema economico per essere ripristinato con un altro.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -