Azienda licenzia e poi offre contratti da autonomi a 200 euro al mese

 

salario

(WSI) – La precarietà oggi è la componente principale del mondo del lavoro in cui dietro la maschera di lavoratori autonomi, che non possono godere di tutta una serie di diritti, dalla ferie alla maternità fino al Tfr, si celano in realtà veri e propri rapporti di lavoro subordinato e dipendente che fanno bene solo alle aziende e calpestano i diritti dei lavoratori.

L’ultima storia che racconta questa triste realtà arriva da Milano dove ha sede principale ma è attiva in tutta Italia la Consulmarketing, azienda specializzata nella raccolta di dati per ricerche di mercato. Nel marzo scorso – secondo quanto racconta un articolo de Il Fatto Quotidiano –  l’azienda ha aperto le procedure di licenziamento collettivo per 465 dipendenti su un totale di 1.134 addetti ma, beffa delle beffe, ha offerto a questi stessi dipendenti contratti di lavoro autonomo. La società difende il suo operato lamentando la crisi attuale che vive.

i sindacati Filcams Cgil e Uiltucs Uil che hanno proclamato uno sciopero di cinque giorni indicando la proposta della Consultmarketing come “provocatoria e inaccettabile”. Gianni Duca, rsa Uiltucs Ui, afferma:

La proposta dell’azienda fatta anche a seguito di una nostra disponibilità ad modello organizzativo che aumentasse produttività oraria, è stata provocatoria, irricevibile e tecnicamente inaccettabile. Le deroghe al contratto proposte farebbero sì che il compenso mensile garantito, così come proposto, equivalga a 40 ore mensili, per una retribuzione netta di circa 200 euro, uno stipendio base molto basso. E questo renderebbe tutti i lavoratori ricattabili (…) I lavoratori hanno già fatto molti sacrifici negli anni passati, i problemi economici derivano anche dalla cattiva gestione dell’azienda. I licenziamenti, con l’offerta di lavoro autonomo, sono solo un espediente per abbassare le tutele dei dipendenti. E’ una forzatura lesiva delle dignità della persona”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -