Delrio: non saranno accettati comitati del No interni al Pd

 

delrioLa linea del Pd sul referendum “è chiara”, esistono “decisioni prese”, ed “esiste una responsabilità verso il Paese ed esiste una linea di partito. Poi un dissenso personale può essere anche accettato, ma un dissenso organizzato no“.

E’ l’avvertimento che il ministro delle Infrastruttire e dei Trasporti, Graziano Delrio, lancia alla minoranza Pd, in un’intervista ad “Avvenire”.Alla domanda esplicita se chi nella minoranza dice no al referendum verrà espulso, Delrio risponde: “Anche se qualcuno non è convinto della bontà della riforma, siamo contro le espulsioni e per la libertà di coscienza. Ma non sono possibili due linee nel partito e non sarebbero accettati comitati per il no dentro il Pd, visto che in Parlamento si è espresso a favore della riforma”. Certo, “se la minoranza chiede discussione e chiarezza avrà discussione e chiarezza. Ma a Cuperlo, a Bersani, a Speranza dico l’unità sia vista come un valore. Il Pd può spingere l’Italia solo unito. Può avere forza propulsiva solo se capace di mettere da parte tattiche ed egoismi”

.Come ad esempio, per Delrio, legare il voto al referendum ad eventuali modifiche all’Italicum: “Discutere di legge elettorale è sempre possibile, ma farlo a ridosso del referendum non è giusto, non è coerente. Non servono ultimatum. Dire ‘si cambi l’Italicum o non votiamo il referendum’ è irresponsabile. È un colpo basso al Pd e al Paese”. ASKANEWS



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -