Islam, Bangladesh: editore di una rivista LGBT ucciso a colpi di machete

 

lgbt-mannan-bangladesh

Bangladesh – L’editore di una rivista transgender è una delle due persone uccise ieri nella capitale Dhaka, in un attacco effettuato molto probabilmente da militanti islamici, appena due giorni dopo che un professore universitario è stato ucciso in un modo simile. Bangladesh: Isis uccide professore universitario a colpi di machete «Era un ateo»

Un funzionario di polizia ha detto all’agenzia Reuters che una delle vittime era Julhas Mannan, che gestiva la rivista transgender Roopbaan. Il funzionario ha riferito che tre persone hanno fatto irruzione nel suo appartamento a Dhaka e lo hanno attaccato uccidendolo a colpi di machete. Secondo la BBC, una seconda persona è morta e un’altra è rimasta ferita. Testimoni hanno detto che gli aggressori gridavano “Allahu Akbar”.

Roopbaan è la prima rivista del paese si è concentrata sulle tematiche LGBT e Mannan aveva lavorato anche per USAID, l’agenzia americana che fornisce assistenza umanitaria e aiuti esteri all’estero.

Il paese, 160 milioni di persone a maggioranza musulmana, nel corso degli ultimi mesi ha visto un aumento di attacchi violenti in cui gli attivisti liberali, sono stati presi di mira da membri delle sette musulmane e altri gruppi religiosi.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -