Come vivono gli immigrati messicani che lavorano nei campi in California

 

I 2,5 milioni di lavoratori agricoli negli Stati Uniti generano un introito di 835 miliardi di dollari all’anno.

agricoltori-usa

Bakersfield, CA- Dopo 26 anni si sveglia ancora ogni giorno alle 4:00 del mattino e il corpo di Maria Elena è tutto un dolore a causa del lavoro nei campi e nei vigneti della California’s Central Valley. Ha male alle ossa e la sua pelle brucia. Tutto sommato, puo’ considerarsi fortunata.

Maria, 51 anni, è una dei circa 2,5 milioni di lavoratori agricoli negli Stati Uniti, una forza lavoro che è la spina dorsale del settore agricolo e genera un introito di 835 miliardi di dollari all’anno. Come molti contadini, la donna è senza documenti e non ha assicurazione sanitaria, nonostante i gravi rischi per la salute associati  al suo lavoro.
“Lavorare nei campi è un compito difficile,” ha detto. “Il caldo può essere insopportabile, svegliarsi ogni giorno alle 04:00 è faticoso ed i pesticidi sono dannosi per la salute”. Definire il lavoro sui campi “duro” è probabilmente un eufemismo.

Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti colloca l’agricoltura tra le industrie più pericolose. Nel 2011 (l’anno più recente citato sul sito DOL), i lavoratori agricoli hanno avuto 7 volte più probabilità di restare uccisi sul posto di lavoro rispetto agli altri lavoratori del settore privato. Tra il 2003 e il 2011, almeno 5.816 lavoratori agricoli negli Stati Uniti sono morti per infortuni, come colpi di calore e incidenti stradali nelle aziende. Ogni giorno, in media, 243 contadini subiscono un infortunio “serio” che porta all’allontanamento dal posto di lavoro, e il 5% delle lesioni subite lascia la salute dei lavoratori permanentemente compromessa.

Ma non tutte le lesioni sono causate da incidenti. I lavori agricoli richiedono movimenti del corpo scomodi e ripetitivi che possono portare a disturbi del sistema muscoloscheletrico, con conseguente dolore cronico, come le ossa doloranti di Maria. L’esposizione a lungo termine ai pesticidi comporta un altro rischio. Maria attribuisce bruciore alla pelle ed eruzioni cutanee dolorose ai decenni di costante esposizione alle sostanze chimiche utilizzate nei campi. Quando ha preso una pausa dal  lavoro per alcuni anni, ha detto, le eruzioni cutanee sono andate via. Ora che è tornata nei campi, sono tornate anche le eruzioni cutanee.

Una volta, la donna ha chiesto al suo supervisore di portarla in ospedale, ma lui ha rifiutato.
“Non avevo alcuna scelta”, ha detto Maria. “Non potevo andare dal dottore, perché non potevo permettermi il trattamento e non potevo perdere il lavoro perché avevo le bollette da pagare. L’unica cosa che ho potuto fare è stata quella di andare in una farmacia locale per  comprare qualcosa che potesse aiutare la mia condizione “.

Solo un terzo dei lavoratori agricoli negli Stati Uniti ha un’assicurazione sanitaria. E quando hanno bisogno di un medico, sono costretti a pagare di tasca loro. Solo il 14% dei lavoratori dispone di un piano assicurativo fornito dal datore di lavoro.

Secondo le indagini del Dipartimento del Lavoro, circa la metà di tutti i contadini sono privi di documenti, anche se si sospetta che il numero effettivo possa essere in realtà molto più alto. Gli immigrati privi di documenti non sono ammessi alla maggior parte dei programmi di sanità del governo e viene loro impedito l’acquisto di assicurazioni private stabilito dalla legge Affordable Care.

Maria è arrivata dal Messico nel 1979 per raccogliere i pomodori, come suo padre aveva fatto 35 anni prima, attraverso il Programma Bracero, un’iniziativa che ha portato milioni di lavoratori messicani negli Stati Uniti tra il 1942 e il 1964.

“Mia madre si lamenta sempre per i dolori”, ha detto Maritza, uno dei figli. “Di sera, prima di andare a dormire, lei ci chiede sempre di farle un massaggio per alleviare il dolore.”

E non si tratta solo di dolore fisico. Otto anni fa, il futuro sembrava un po ‘più luminoso quando la donna ha consultato un avvocato per l’immigrazione il quale ha detto che avrebbe potuto risolvere il suo status. Invece, Maria è stata vittima di una truffa che l’ha lasciata di fronte a un procedimento di espulsione.

“L’avvocato ci ha dato false speranze, promettendo a mia mamma che avrebbe potuto risolvere il suo status di immigrazione, quando invece non c’era nessuna possibilità”, ha detto Maritza.
Maria ha detto che le autorità dell’immigrazione le permettono di vivere nella sua casa e continuare a lavorare temporaneamente mentre lei è in attesa di una sentenza di rimpatrio da parte del tribunale. Nel frattempo, continua a passare lunghe ore nei campi, ma ora lo fa con un ingombrante braccialetto alla caviglia che consente al governo di monitorare i suoi spostamenti. La donna non ha idea di quanto tempo le sarà permesso di restare negli Stati Uniti con i figli.

agricoltori-usa

“Il braccialetto alla caviglia è umiliante da indossare. Mi fa sentire come se fossi una criminale “, ha detto la donna. “Ma a prescindere da questo, devo andare a lavorare nonostante gli ostacoli fisici ed emotivi costanti”.

Secondo Eriberto Fernandez, coordinatore della United Farm Workers Foundation di Bakersfield, i contadini privi di documenti sono costretti a lavorare nell’ombra, rischiando la vita per una paga appena sufficiente per la sussistenza di base.
“Abbiamo visto casi di persone che sono morte per la lunga esposizione al calore, o hanno sofferto per problemi causati dai pesticidi”, ha detto Fernandez, riferendosi ai pesticidi spruzzati che vengono soffiati al di fuori della loro area di destinazione.

Il contadino Roberto Garcia è uno di quelli che hanno sofferto molto per il caldo..
A 30 miglia a sud ovest di Bakersfield, si trova il piccolo Comune di Taft, circondato da petrolio e campi agricoli. E’ qui che Garcia, nativo di Oaxaca, in Messico, è arrivato nel 2001, all’età di 41, senza documenti. Come tanti altri immigrati in questa regione, ha trovato subito un posto di lavoro nei campi, dove le temperature estive di solito sono molto elevate.
“Ho conosciuto molte persone che hanno dovuto disilludersi sul lavoro nei campi”, ha detto Garcia, che ha visto la gente crollare sul posto di lavoro, a causa del caldo, più volte di quanto non si preoccupi di ricordare.

Garcia ha resistito circa 15 anni prima che il lavoro avesse la meglio di lui. A seguito di un infortunio accaduto un anno fa, ha avuto un problema alla spina dorsale ed ora non può più lavorare nei campi.
“La schiena mi fa sempre male, ma non ho alcuna copertura sanitaria, quindi non posso consultare un medico e non posso permettermi di pagare di tasca mia”, ha detto Garcia. “Ogni visita medica può essere molto costosa. Mia moglie lavora ancora nei campi, in modo da guadagnare qualcosa, ma non è sufficiente. Faccio piccoli lavori qui e là, ma niente di troppo pesante a causa della mia schiena.”
Come molti immigrati in California, Garcia sta prestando attenzione ai mutevoli venti politici che riguardano l’immigrazione e la riforma dell’assistenza.
“Anche se attualmente non ho alcuna copertura sanitaria, sono contento di sentire che ci stiamo muovendo nella giusta direzione, per fornire ai nostri giovani l’assistenza sanitaria”, ha detto. “Tutti dovrebbero avere accesso alle cure, a prescindere dal nostro status di immigrazione, da chi siamo o da dove veniamo”.

fusion.net/story



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -