Milano, report choc dal reparto Etnopsichiatria: problemi mentali tra i migranti

 

sbarchiC’è un dato che arriva dall’ospedale Niguarda di Milano che fa paura. Negli ultimi anni si sono moltiplicati a dismisura i problemi mentali degli immigrati. Il problema è che mancano le risorse per curarli e c’è il rischio più che concreto che per le strade del Paese ci troviamo altri pazzi come Adam Mada Kabobo, il ghanese che l’11 maggio 2013 ha impugnato un piccone e ha ucciso tre persone. Il responsabile del sevizio di Etnopsichiatria dell’ospedale meneghino, il professor Mariano Bassi, non ha alcun dubbio: “Siamo in emergenza”.

Come riporta l’inchiesta di Libero, gli immigrati con problemi mentali in cura al Niguarda sono 250, 176 uomini e 74 donne. Di questi 119 sono sbarcati nel nostro Paese l’anno scorso. Nessuno di questi, dunque, ha il permesso di soggiorno. In attesa di una risposta alla domanda di asilo, è stata la stessa Prefettura a segnalarli all’ospedale. Solo in alcuni casi sono stati, infatti, trasferiti dal centro di accoglienza dove sono ospitati. Il numero è comunque da prendere con le pinze. Perché 250 è la capienza massima del Niguarda. “È il massimo che possiamo accogliere – spiega il professor Bassi – altrimenti sarebbero molti di più”.

Secondo uno studio della Società italiana di psichiatria effettuata sui richiedenti asilo, almeno un immigrato su tre soffre di disturbi mentali. Il 17% della popolazione degli ospedali psichiatrici giudiziari è, infatti, composto da extracomunitari.

Il problema non è solo legato ai continui arrivi. Quel che preoccupa di più è la mancanza di risorse. Perché più aumentano gli sbarchi, più gli immigrati con problemi mentali vengono lasciati a sé. “Una volta dimessi dal servizio specializzato del Niguarda che fine fanno? – si chiede Mario Giordano al termine dell’inchiesta su Libero – chi li segue?”. Nella maggior parte dei casi i pazienti si presentano alla prima visita e poi spariscono nel nulla. Per poi riapparire nelle pagine di cronaca nera.

Sergio Rame – - Il giornale

‘Accogliamo i casi più acuti. In tutto abbiamo tra i 400 e i 500 casi all´anno. I più frequenti riguardano patologie di tipo schizofrenico, per lo più, di disturbo bipolare o di personalità borderline. Spesso questi stati di sofferenza sono aggravati, o addirittura scatenati, da uso o abuso di sostanze, come i cannabinoidi

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -