Trento: «Vigili contro l’omotransfobia» per “normalizzare” l’omosessualità nelle caserme

 

vigili-omofobia

Sabato 16 aprile ha avuto luogo a Trento, nella Sala Rosa del Palazzo della Regione, l’evento «Forze dell’ordine e Vigili del fuoco contro l’omotransfobia», promosso dall’Arcigay del Trentino in collaborazione con l’assessorato alle Pari opportunità della Provincia al fine di “normalizzare” l’omosessualità e favorire la visibilità e inclusione delle persone LGBT all’interno delle caserme e dei rispettivi corpi di appartenenza.

All’evento, che è stata l’occasione per presentare ufficialmente «Vigili contro l’omofobia» (qui la pagina Facebook  https://www.facebook.com/Vigili-contro-lomofobia-1113476555343066/), il primo gruppo di vigili del fuoco dichiaratamente omosessuali, hanno preso parte diversi autorevoli rappresentati delle istituzioni, tutta in prima fila per il “lodevole” incontro “politically correct” all’insegna della tolleranza e del rispetto.

L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con “Polis Aperta”, associazione LGBT con appartenenti alle Forze Armate e dell’Ordine, per la quale è intervenuta la dottoressa Simonetta Moro, e “OSCAD”, Osservatorio per la Sicurezza contro gli Atti Discriminatori.

Il promotore e organizzatore della manifestazione, Niccolò Mascher, Vigile del fuoco volontario che assieme ad un collega, Tiziano Pulcini, è stato tra i fondatori del gruppo «Vigili contro l’omofobia», ha raccontato come l’inedita associazione sia nata da un bisogno di accettazione della sua omosessualità all’interno della propria caserma

osservatoriogender.famigliadomani.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -