Vertice di Istanbul, la Turchia propone una “Interpol” islamica

 

La lotta al terrorismo è uno dei temi principali dibattuti nel vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione Islamica in corso a Istanbul. Al summit partecipano 56 Paesi, tra cui alcuni in aperto contrasto tra loro, come l’Arabia Saudita e l’Iran, o l’Egitto e la stessa Turchia.

Concordare un approccio unanime per la definizione dei gruppi estremisti non è quindi scontato.

“Anziché attendere che altre forze intervengano contro le azioni terroristiche e le crisi che si verificano nei Paesi musulmani” ha sottolineato il presidente turco “dobbiamo creare la soluzione noi stessi attraverso l’alleanza islamica.” Erdogan ha proposto la creazione di un ente comune, con sede in Turchia, per coordinare la lotta al terrorismo. Una Interpol islamica, insomma.

vertice-islam-turchia

Sul tappeto anche le guerre in Siria, Libia e Yemen, la questione palestinese e il conflitto del Nagorno-Karabakh.

“Deve avvenire una trasformazione” commenta l’esperto Ragıp Kutay Karaca, dell’Università Gelişim. “Ciò sarà possibile solo attraverso una maggiore democrazia e un maggior benessere. Il mondo arabo siede sopra ricche risorse naturali. Ha incredibili riserve petrolifere e di gas. Ma chi le gestisce, chi le raffina, chi decide le politiche energetiche? L’Occidente. Se il mondo islamico non ha coesione, deve risolvere ogni problema secondo i parametri dell’Occidente.”

Il summit si svolge in un Paese militarizzato, dopo i recenti attentati, e in un quartiere di Istanbul pattugliato da oltre 5.000 poliziotti.

Il nostro corrispondente Bora Bayraktar traccia il bilancio della prima delle due giornate del vertice: “Le discussioni si sono svolte in un clima di autocritica. La presenza del ministro degli esteri egiziano in Turchia e di leader iraniani e sauditi attorno allo stesso tavolo mostra che il mondo islamico cerca almeno di mantenere aperti canali di dialogo.” EURONEWS

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -