Roma: albanesi rubano 3240 chili di rame da impianto dell’acqua

 

ROMA, 1 APR – Se non fosse stato per il sistema supplementare di erogazione elettrica automatico in parallelo, Roma sarebbe rimasta oggi senz’acqua potabile a causa del furto di 52 matasse di rame, per un peso totale di 3240 chili (oltre due chilometri di lunghezza ed un valore di 50 mila euro) utilizzate per collegare 11 tralicci elettrici. Del furto sono accusati 4 albanesi arrestati la scorsa notte dai carabinieri del Nucleo Radiomobile dopo un rocambolesco inseguimento, con tentativo di speronamento di due autopattuglie.

I quattro, accusati di rapina dal pm Paolo Auriemma, sono comparsi oggi in tribunale per il rito direttissimo. I giudici dell’VIII sezione del tribunale, dopo aver convalidato il loro fermo ed emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, ha concesso al difensore degli indagati i termini a difesa e rinviato il processo all’11 aprile prossimo. Il furto è avvenuto nell’impianto “Acqua Vergine” di via Collatina, area di proprietà dell’Unità patrimonio e sorveglianza della “Acea Ato spa”.  (ANSA)



   

 

 

1 Commento per “Roma: albanesi rubano 3240 chili di rame da impianto dell’acqua”

  1. Tutti questi Gregari …all”abbordaggio, Nella ipotesi gli và male – hanno pagato vitto alloggio . e l’avv d’ufficio (a carico dei cohlioni. cioè tutti noi) con il rinvio ecc… altro incentivo per l’avvocato.!-
    il “canestro” mi convince sempre più della “medicina” : Manganello ed olio di ricino.! – i responsabili del territorio ? Hanno trovato la pietra “filosofica” di Calandrino.???

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -