Svegliatevi! Solo i ricchi vivranno a lungo

Il mito liberista della crescita economica ha beneficiato in misura ridotta la popolazione nel suo insieme, penalizzato i poveri e avvantaggiato solo i milionari per qualità della vita ma anche salute e longevità. Papa Francesco: “No ad una società di pochi per pochi”

senzatetto

di Francesco Erspamer

Negli ultimi trent’anni il PIL americano è raddoppiato. Nello stesso periodo, fa notare un servizio del New York Times, l’aspettativa di vita della donna media è restata pressoché invariata, intorno agli 82-83 anni. Ma quella delle donne povere è crollata da 79 a 75 mentre le ricche sono passate da 83 a 88. In altre parole, un’americana benestante nata nel 1920 viveva quattro anni in più di una miserabile; una nata nel 1950, tredici anni in più. Ancora più impressionante l’aumento della longevità dei ricchi di sesso maschile: da 79 a 87 anni, mente i poveri sono fermi intorno ai 74. Un altro articolo dello stesso giornale, di un paio di mesi fa, riportava l’allarmante statistica che fra i maschi bianchi con reddito medio-basso il tasso di mortalità è salito del 22%.

Cosa significa? Significa che il mito della crescita economica, a cui tutto deve essere sacrificato, ha beneficiato in misura molto ridotta la popolazione nel suo insieme, penalizzato i poveri e clamorosamente avvantaggiato i milionari. A livello di qualità della vita ma anche di salute e di longevità. Questo è il neocapitalismo globalista: un’immensa macchina per produrre denaro e tecnologia che poi vengono usati, invece che per migliorare equamente le condizioni di tutti, per migliorare oscenamente le condizioni di pochi, per di più al prezzo della dilapidazione irreversibile delle risorse naturali e sociali del pianeta e della creazione di infelicità e paura. “Come mai i poveri americani stanno morendo di disperazione”, intitolò in novembre un editoriale del settimanale inglese The Week.

Papa Francesco lo ha detto recentemente e chiaramente nella messa in uno dei sobborghi più squallidi e violenti di Città del Messico, Ecatepec, celebrata davanti a centinaia di migliaia di persone: “No a una società di pochi per pochi”. Ma la gente assiste indifferente a questo scialo e a questa rapina senza precedenti. Quando ero ragazzo la cultura etnocentrica e razzista del tempo dipingeva gli indiani americani come degli ingenui che si erano fatti fregare dai furbi imprenditori anglosassoni: terre, oro e libertà in cambio di perline luccicanti. Quanti italiani stanno cedendo non solo le loro proprietà ma la loro stessa vita agli speculatori stranieri raccomandati da Renzi? e per cosa? Per il loro iPhone quotidiano, per un po’ di spazzatura televisiva, per vacanze su spiagge esotiche dove cercare quella purezza e quella serenità che sarebbero disponibili sulle coste e sui fiumi a pochi chilometri da casa se non si permettesse alle multinazionali di inquinarli per arricchire milionari americani, arabi o cinesi – o italiani con residenza a Londra o in Svizzera.

Svegliatevi. In nome del liberismo il Pd sta distruggendo il nostro sistema sanitario, la nostra scuola, il nostro ambiente, il nostro stile di vita. Quanti anni credete che ci vorranno prima che la forbice dell’ineguaglianza si spalanchi e gli stronzi e stronzetti vivranno il doppio della gente ordinaria? Non solo dei più poveri, con i quali forse vi è difficile identificarvi: ma della classe media, quella che una volta si chiamava borghesia e si credeva il sale della Terra. Svegliatevi. I ricchi di oggi non vogliono tanto e nemmeno di più. Vogliono tutto. Vogliono privarvi della vostra vita per allungare la loro. Come gli dèi egoisti e crudeli di Omero, che per dare senso alla loro immortalità avevano bisogno di nutrirsi della sofferenza umana.

la libertà non si puo’ ricevere in dono: bisogna prendersela.” – James Baldwin

lavocedinewyork.com

 



   

 

 

1 Commento per “Svegliatevi! Solo i ricchi vivranno a lungo”

  1. abbiamo seguito gli americani come capre sia in economia che nella vita sociale, abbiamo importato il liberismo acefalo .Pur avendo i mezzi che noi non abbiamo negli Usa , ora si interrogano come mai lo stato spende tanto in innovazione, più del resto del mondo, trovandosi alla fine con un gruppo ristretto che straguadagna e non paga le tasse, queste invece vengono pagate anche per i ricchi dai poveracci che aumentano di giorno in giorno, le loro difficoltà di sopravvivenza. noi in Italia abbiamo seguito questo criterio ma con molto meno risorse, smantellando tutto quello che di buono era stato fatto negli anni dai nostri padri. Negli stati uniti hanno scoperto gli errori commessi e cercano di porvi rimedio. mi auguro che almeno in questo li seguiamo stavolta ma ancora non abbiamo capito l’inversione di marcia che hanno operato per bloccare lo zoccolo asiatico tradendo le ideologie liberiste fino a poco fa sostenute ed imponendo sanzioni e ritiro di capitali .

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -