150 Curdi bruciati vivi e decapitati dai Turchi

 

Circa 150 curdi sono stati bruciati vivi dalle forze militari turche mentre si trovavano in diversi edifici, come offensiva del governo nelle province del sud-est a maggioranza curda. Lo ha riferito Feleknas Uca, membro del partito democratico pro-curdo nel Parlamento turco. Lo scrive il Velino

“Nel distretto Cizre di Sırnak, circa 150 persone sono state bruciate vive in diversi edifici da parte delle forze militari turche. Alcuni cadaveri sono stati ritrovati senza testa. Alcuni sono stati bruciati completamente, in modo da non rendere possibile l’autopsia”, ha sottolineato Uca aggiungendo che tutte le vittime della provincia Sırnak, che confina con la Siria e l’Iraq, erano curde. “Molte persone e giornalisti si scagliano contro un massacro imminente come in Cizre”, ha ammesso Uca.



   

 

 

1 Commento per “150 Curdi bruciati vivi e decapitati dai Turchi”

  1. Che il papa faccia sentire alta e risonante la sua voce di riprovazione! Un papa che osa con un paese democratico come gli Stati Uniti -e un front runner che ha dietro di se’ milioni e milioni di cittadini- e che invece rincula di fronte ai piu’ tirannici e sanguinari regimi che ci siano sulla faccia della terra, e’ indegno della cattedra di Pietro.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -