Albanesi cavano i denti alle vittime per farsi consegnare il bottino

 

foto ansa

foto ansa

I carabinieri della Compagnia di Casoria hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di due albanesi accusati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti e rapine in abitazione, detenzione illegale di armi, tentato omicidio, lesioni personali aggravate e ricettazione.

L’ordinanza di custodia cautelare segue di pochi giorni il fermo di un altro cittadino albanese, già gravato nel paese d’origine di precedenti per rapina a mano armata e omicidio. Le indagini, condotte dall’ottobre 2015 e attualmente ancora in corso, hanno fatto luce su tre efferate rapine in abitazione, consumate a Dugenta (Benevento), Marsico Nuovo (Potenza) e a Sant’Egidio del Monte Albino (Salerno).

bergoglioHanno inoltre permesso di raccogliere un grave quadro indiziario circa l’esistenza e l’operatività di un’associazione per delinquere, composta da cittadini di nazionalità albanese e dedita alla commissione di furti e rapine in abitazione nel territorio campano e Regioni limitrofe.

Irruzione notturna in ville isolate. Vittime ghermite e seviziate. Botte, denti cavati, minacce di morte. Incursioni perfettamente organizzate. Sono i metodi che utilizzava la banda. Nel corso delle indagini sono state registrate fughe rocambolesche, sparatorie, posti di blocco forzati e vetture speronate.

Luca Romano  – –   IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -