Fondi speculativi USA lanciano una nuova guerra valutaria contro lo yuan

I principali hedge fund americani hanno iniziato a scommettere più aggressivamente contro la moneta cinese, scrive il “Wall Street Journal”.

yuan-dollaroIl giornale rileva che il fondatore e presidente della società finanziaria “Hayman Capital” Kyle Bass ha venduto la maggior parte dei suoi investimenti in azioni, materie prime e obbligazioni per comprare opzioni di vendita (derivati) sullo yuan cinese e sul dollaro di Hong Kong.

La scommessa sul calo delle valute asiatiche occupa quasi l’85% del portafoglio totale dell’hedge fund: se lo yuan e il dollaro di Hong Kong si svaluteranno nei prossimi 3 anni, il fondo porterà a casa miliardi di dollari di profitto.

L’investitore ritiene che in questo periodo la valuta cinese si deprezzerà di circa il 40%.

Oltre a Bass si è messo a scommettere in derivati contro lo yuan Stanley Druckenmiller, socio dello squalo della finanza George Soros e amministratore di successo del suo hedge fund “Quantum”, il fondatore di “Appaloosa Management” David Tepper e il proprietario di “Greenlight Capital” David Einhorn, aggiunge il WSJ. Soros stesso, parlando al Forum Economico Mondiale di Davos, ha dichiarato che l’economia cinese molto difficilmente eviterà una brusca caduta, alimentando così le aspettative degli investitori sulla caduta della valuta cinese.

“Se parliamo della mole di aspettative ribassiste, sono molto più che al tempo della crisi dei mutui (nel 2007, ndr),” — il giornale riporta le parole di Kyle Bass.

Le aspettative sulla svalutazione dello yuan hanno innescato un deflusso di capitali degli investitori cinesi e stranieri nell’economia cinese, si afferma nell’articolo. Gli hedge fund scommettono che Pechino lasci deprezzare la valuta nazionale per fermare la perdita di investimenti e dare impulso alla crescita economica. Il gioco contro lo yuan sui derivati è un’impresa molto rischiosa, perché Pechino ha enormi risorse per contrastare la speculazione. All’inizio di quest’anno i trader filo-governativi hanno comprato nella borsa di Hong Kong yuan, facendo schizzare fino al 66% il costo dei crediti overnight, tagliando le fonti di finanziamento degli investitori in posizione “short” (vendita allo scoperto).

Analizzando il sistema bancario cinese, gli analisti di “Hayman Capital” hanno concluso che il volume dei prestiti scaduti, che si attesta ora al 2%, inizierà a crescere rapidamente, pertanto il governo cinese avrà bisogno di spendere migliaia di miliardi di dollari per ricapitalizzare le banche, provocando così l’indebolimento della valuta.

Il giornale osserva che uno scenario simile si è realizzato nel corso della crisi dei mutui americani, quando il dollaro ha cominciato a deprezzarsi dopo che la Fed ha iniziato il salvataggio delle banche statunitensi.

it.sputniknews.com


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -