Augusta: altro sfratto per ‘La casa dei randagi’. Appello, per comprare un terreno

 

cane-randagi-onlusL’associazione La casa dei randagi (onlus) che da 5 anni opera nel territorio augustano e che attualmente ospita una quindicina di cani randagi in attesa di adozione è oggetto dell’ennesimo sfratto e dovrà quindi restituire il terreno alla proprietà e trovarne un altro adeguato entro e non oltre il prossimo 15 febbraio. E’ già la quinta volta che La casa dei randagi Onlus deve ‘togliere le tende’ e oltre al dover affrontare le solite peripezie per trovare un altro luogo adatto deve considerare che non sempre le strutture e i materiali utilizzati per la costruzione del rifugio e la sistemazione per l’accoglienza dei cani sono riutilizzabili. Dunque, per ottimizzare le risorse, hanno deciso di fare un appello e chiedere un contributo economico di 5 euro a tutti quei cittadini di Augusta e di tutta Italia (l’associazione opera a livello nazionale riguardo alle adozioni), che hanno a cuore questo problema al fine di poter acquistare un terreno dove far sorgere un luogo confortevole per i loro ospiti. Insomma, vorrebbero evitare di continuare a vanificare i loro sforzi, sia fisici che mentali ed economici per l’ennesima volta e per questo si sono posti l’obiettivo di poter dare ai loro piccoli ospiti la possibilità una volta per tutte di un rifugio accogliente in un luogo definitivo, sicuro e consono alle loro esigenze.

Consapevoli delle proprie difficoltà economiche e che queste stesse difficoltà sono a casa di tanti, Enza Licciardello, presidente dell’associazione, al fine di ottemperare a questa nuova e complicata emergenza ha lanciato un accorato appello per chiedere aiuto al senso di civiltà, al buon senso, ma soprattutto alla sensibilità e alla generosità di tutti per ricevere un preziosissimo aiuto economico di 5 euro che vorranno farlo. Solo 5 euro, che moltiplicati per tante persone possono risolvere il problema che è bene ricordare, i cani ospitati sono dei randagi che fanno parte di quei tanti, troppi cani che grazie all’associazione non vagano più per le strade per cercare un boccone (magari non avvelenato) e che riunendosi in branco possono mettere a rischio l’incolumità dei passanti.

La Casa dei Randagi Onlus, confida in una risposta decisa, certa e sicura da parte di tutti, risposta, che gli consenta finalmente di acquisire un terreno per il rifugio che è già stato individuato e per il quale si sta procedendo all’acquisizione. Infine, è inutile dire che se qualcuno vuole adottare un simpatico e allegro cagnolino, lui per primo e per sempre, e poi loro, ve ne saranno davvero riconoscenti. Certi della vostra sensibilità e generosità, contano sul vostro aiuto. Sicuri di farcela anche questa volta anticipatamente a nome proprio e dei loro ospiti vi ringraziamo davvero di cuore.

Per chi vuole offrire un contributo questi sono i dati per le donazioni: Bonifico bancario a LA CASA DEI RANDAGI Onlus Iban: IT 25 L 03019 84620 000005430804. IBAN RSANIT BIC/SWIFT. Per chi è interessato, l’andamento delle donazioni viene rendicontato giornalmente sulla pagina dell’associazione a questo link: https://www.facebook.com/events/1559705254321541/



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -