La giornalista Ruqia Hassan uccisa dai jihadisti dello Stato ISLAMICO

 

“Andate avanti e tagliate internet, i nostri piccioni viaggiatori non si lamenteranno”. E’ l’ultimo post su Facebook di Ruqia Hassan, giornalista di Raqqa – la roccaforte dello Stato islamico in Siria – giustiziata dai jihadisti dell’Isis. Quel messaggio, ironico e addolorato, risale al ventuno luglio scorso. Poi l’arresto da parte delle milizie del Califfo e, oggi, la notizia dell’uccisione.

Ruqia-Hassan-UCCISA-ISIS

La famiglia di Ruqia, come riporta il Daily Mail, è stata informata solo tre giorni fa della sua esecuzione, giustificata con l’accusa di spionaggio. La sua morte è stata confermata al quotidiano britannico da un attivista del gruppo “Raqqa is Being Slaughtered Silently” (“Raqqa è massacrata nel silenzio“).

Scrivendo sotto lo pseudonimo di Nissan Ibrahim, Hassan aveva riferito dei bombardamenti aerei della coalizione internazionale sulla città siriana. Ruqia raccontava su internet la vita quotidiana degli abitanti di Raqqa, la città che nel 2013 era diventata una dei primi centri siriani liberati dal controllo del regime di Bashar al-Assad. Poi, sul finire dell’anno, arrivarono i tagliagole di Al Baghdadi, trasformandola nella loro capitale.

Da quel giorno lo Stato islamico ha imposto le sue regole: tasse ai commercianti locali in cambio di protezione, schiavitù sessuale e segregazione per le donne sciite e cristiane, insegnanti costretti a sostituire i programmi di insegnamento del Corano con i corsi di jihad. Giornalisti, attivisti e ribelli sono stati minacciati di torture e di morte se non avessero piegato la testa. Ruqia non l’ha piegata, e ha pagato con la vita.

today.it


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -