Assad: è il popolo siriano che decide chi lo deve guidare, Hollande si vergogni

 

Duro attacco del presidente siriano Bashar al-Assad a Francois Hollande, a pochi giorni dalla strage di Parigi. Il presidente francese – sostiene il leader del regime di Damasco – si deve “vergognare” quando sostiene che “Assad è parte del problema, non la soluzione” alla crisi siriana perché delegittima “il primo principio democratico” che prevede sia “il popolo ad avere il diritto di decidere da chi farsi guidare”.

“Hollande è stato indicato dal popolo siriano per parlare a suo nome? Un cittadino francese accetterebbe che qualsiasi altro politico nel mondo sostenga che il presidente Hollande non debba essere il presidente francese? Non sarebbe un’umiliazione per il popolo francese? Noi la vediamo allo stesso modo. E’ un’umiliazione per il popolo siriano quando dice una cosa del genere”, ha dichiarato Assad in un’intervista alla rivista francese ‘Valeurs Actuelles’.

A una domanda sulla possibilità di una collaborazione tra Damasco e Parigi nella lotta al terrorismo, ha quindi risposto: “Prima di tutto c’è bisogno di serietà”. “Non perderemo il nostro tempo – ha affermato – a cooperare con un paese, un governo o un’istituzione che supporta il terrorismo. Bisogna innanzitutto cambiare la propria politica, usare un unico standard e non tanti standard diversi. E bisogna essere parte di un’alleanza con Paesi impegnati solo a combattere il terrorismo e non con paesi che al tempo stesso sostengono il terrorismo e lo combattono. E’ una contraddizione”. “Queste sono le basi – ha proseguito Assad – per avere qualunque forma di cooperazione. A noi piacerebbe averla, non solo con la Francia, ma con qualunque altro paese. Ma questa per cooperazione c’è bisogno di una certa atmosfera. C’è bisogno di certi criteri e di certe condizioni”.

“La politica francese degli ultimi cinque anni – si è quindi chiesto il presidente siriano – ha portato qualcosa di buono ai francesi?”. Per Assad la risposta è “no”, perché quella politica ha contribuito a un “terremoto che si riverbera nel resto del mondo e innanzitutto in Europa”.

L’attentato a Charlie Hebdo “è successo all’inizio dell’anno – ha proseguito – e all’epoca dissi che si trattava solo della punta dell’iceberg. Quello che è successo nei giorni scorsi (gli attentati di Parigi, ndr) ne è la prova”. “Quindi – ha concluso – il messaggio è: siate seri quando parlate di lotta al terrorismo”. adnkronos



   

 

 

2 Commenti per “Assad: è il popolo siriano che decide chi lo deve guidare, Hollande si vergogni”

  1. Assad ha pienamente ragione. Non c’è nessuno, nessuno che può decidere al posto dei siriani. E l’esodo dei profughi ce l’hanno sulla coscienza gli Usa e gli Stati europei che, in veste ciecamente antirussa, ha appoggiato e addestrato militarmente i ribelli anti-Assad, Isis compresa.

  2. Sono completamente d’accordo con ASSAD l’UE sempre comandata come i cagnolini e conigli vogliono spodestare ASSAD ed ecco quello che è successo come nulla fosse mai accaduto con gli Americani con l’IRAQ e con la Libia di Gheddafi non gli e servito la lezione a nessuno e volete sicuramente destabilizzare tutti i governi che non sono conigli nei vostri confronti.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -