Obama toglie le sanzioni alla Liberia, dove ora governa un Nobel filo-USA

 

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha tolto le sanzioni imposte contro l’ex uomo forte della Liberia, Charles Taylor, che sta scontando nel Regno Unito una pena a 50 anni di reclusione per crimini contro l’umanita’, in un carcere di massima sicurezza.

(Gli USA impongono sanzioni, affamano gli africani fino a provocare epidemie – ebola – e poi ci dicono che dobbiamo accogliere gli immigrati in fuga dalla fame. La tattica è ormai spudorata e ampiamente conosciuta e compresa)

Una misura, largamente simbolica, che mette fine a delle sanzioni, durate un decennio, contro l’anziano presidente liberiano.

Taylor ottenne la laurea al Bentley College, negli Stati Uniti, prima di ritornare in Liberia per lavorare nel governo di Samuel Doe. Dopo essere stato rimosso dal suo incarico per appropriazione indebita, giunse in Libia, dove venne addestrato per combattere come guerrigliero. Ritornò in Liberia nel 1989 a capo di un gruppo di ribelli appoggiato dalla Libia, l’NPFL (National Patriotic Front of Liberia), per rovesciare il regime di Doe, iniziando la Prima Guerra Civile Liberiana.  (wikipedia – leggete cosa hanno fatto gli USA anche in Liberia)

Charles Taylor, signore della guerra durante il conflitto civile in Liberia (1989-1995), e’ stato eletto presidente nel 1997, ha lasciato il potere e il paese nel 2003 prima di essere arrestato nel 2006. La pressione su Taylor crebbe ulteriormente quando il Presidente degli Stati Uniti George W. Bush dichiarò due volte quello stesso mese che Taylor “deve lasciare la Liberia”.

Taylor e’ comparso davanti al Tribunale speciale per la Sierra Leone, con l’accusa d’aver aiutato e incoraggiato una campagna di terrore con lo scopo di ottenere il controllo del paese fornendo armi, munizioni e altri aiuti logistici, al Fronte rivoluzionario unito (Ruf) in cambio di diamanti. Egli si è sempre dichiarato non colpevole.

Obama, con una lettera al Congresso americano, ha spiegato che, ormai, le sanzioni sono inutili.
A Taylor, in Liberia, con regolari elezioni, e’ succeduta Ellen Johanson Sirleaf, nel 2006, che e’ stata insignita del premio Nobel per la pace nel 2011.

Nel 2006, appena insediata, la nuova Presidente Ellen Johnson Sirleaf  richiese formalmente l’estradizione di Taylor, che si trovava in Nigeria, e al suo arrivo a Monrovia venne preso in custodia (sequestrato) dalla Missione delle Nazioni Unite in Liberia (UNMIL).

liberia

La Sirleaf ha dovuto affrontare, nell’ultimo anno e mezzo, un’epidemia di Ebola senza precedenti che ha provocato 4.800 morti e piu’ di 10.500 contagi. Dal 3 settembre il paese non ha avuto piu’ contagi.
(AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -