In Yemen è catastrofe umanitaria, ospedali e polizia al collasso

 

All’ingresso della città di Aden, nel sud dello Yemen, giovani e giovanissimi vengono reclutati sul posto per rinforzare i posti di blocco. Le autorità di polizia stanno collassando in quello che è stato etichettato come il Vietnam dell’Arabia Saudita. Riad da marzo guida la coalizione internazionale contro i ribelli sciiti Houti che – appoggiati dall’Iran – ancora controllano gran parte del nord del Paese.

“La guerra ha distrutto tutto, compresi i servizi di sicurezza – dice Mohammed Musaed, capo della sicurezza di Aden – L’ex presidente, Ali Saleh, aveva costruito delle autorità a uso personale e quando è stato rovesciato le istituzioni si sono dissolte. Oggi ci affidiamo ai giovani della resistenza che lavorano con le forze di sicurezza, con la polizia e con gli altri residenti e si prendono cura della sicurezza”.

A Taiz l’ospedale non viene risparmiato dall’artiglieria. Nella terza città del Paese, nel 2011, la popolazione scese in piazza per la democrazia contro gli Houti. Oggi conta 1600 delle 5600 vittime provocate dalla guerra civile.

“La catastrofe non è, come si diceva un tempo, imminente. Ora siamo nel pieno di una vera e propria catastrofe. Il comparto sanitario è al collasso – dice il dottore Abdel Raheen al Saamee – Gli ospedali che non hanno ancora chiuso le porte ai pazienti, non sono più in grado di far fronte alle emergenze e di fornire adeguata assistenza chirurgica ai feriti di guerra”.

Da due mesi non si riesce a far entrare in città alcuna fornitura medica, mentre vicino Sanaa una bomba esplode in una moschea. Questa volta le parti sono invertite, gli Houti sono il bersaglio. Il bilancio delle vittime ancora indefinito. EURONEWS

YEMEN



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -