Migranti: bufera sui circhi italiani “Coinvolti nel traffico di clandestini”

 

Grandi famiglie circensi coinvolte nel traffico di migranti; falsi permessi di lavoro rilasciati da funzionari compiacenti e migliaia di euro pagati da persone partite dall’Asia. Sono gli ingredienti dell’inchiesta condotta dalla polizia di Palermo che ha fermato decine di persone accusate di aver favorito l’immigrazione di centinaia di stranieri in Italia. Il giro d’affari, e’ stato stimato dalla Procura, e’ di oltre 7 milioni di euro.

Coinvolti anche noti impresari attivi nel circuito circense nazionale e internazionale. Il fiorente business dell’immigrazione clandestina girava attorno alla corruzione di alcuni dipendenti pubblici che certificavano l’assunzione di centinaia di cittadini provenienti soprattutto da India, Pakistan e Bangladesh.

Sono 41 le persone destinatarie del provvedimento di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Palermo per l’operazione “Golden Circus” in Sicilia, Lombardia, Toscana, Calabria e Lazio. Diciotto i circhi interessati nell’inchiesta, uno dei quali legato alla famiglia Orfei. Ogni lavoratore assunto guadagnava fittiziamente tra i 2.000 e i 3.000 euro. In realta’, chi arrivava da India, Pakistan e Bangladesh pagava fino a 15.000 euro per ottenere una autorizzazione al lavoro e il benestare della Regione siciliana i cui burocrati ‘infedeli’ autorizzavano l’assunzione.

Un impiegato della Regione Sicilia che, in collegamento con dei colleghi, sfruttava la loro posizione. Perquisizioni e sequestri anche negli uffici della Regione siciliana. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -