Emergenza scuola: nelle isole 1 giovane su 4 lascia studi

Nelle isole l’abbandono prematuro degli studi è un fenomeno che colpisce un giovane su quattro, mentre nel Veneto solo un ragazzo su 10 lascia la scuola troppo presto. Nonostante il miglioramento registrato dal 2004 al 2013, di 5,9 punti percentuali, la media nazionale evidenzia un divario consistente rispetto all’Ue (17% contro 12%). Riescono a fare peggio solo altri 4 paesi: Spagna (23,6%), Malta (20,8%), Portogallo (19,2%) e Romania (17,3%).

scuola

I dati, elaborati dall’Adnkronos, sono contenuti nelle tabelle dell’Istat del rapporto ‘Noi Italia 2015′, relative all’anno 2013.

La legge di stabilità 2016 prevede la nascita di un fondo di 100 milioni di euro per contrastare il fenomeno della povertà educativa, che sarà alimentato da versamenti delle fondazioni bancarie. Sul territorio convivono realtà molto differenti, con regioni come la Sicilia e la Sardegna dove si toccano punte di abbandono rispettivamente del 25,8% e 24,7%. Già nove anni prima le due isole si collocavano agli ultimi posti della classifica, superando i trenta punti percentuali. Insieme a loro c’era un’altra regione che nello stesso periodo è riuscita a ridurre il tasso di abbandono scolastico di oltre 10 punti; si tratta della Puglia che è passata dal 30,2% al 19,9%.

La performance peggiore è invece quella registrata dal Molise, che in nove anni ha visto crescere il numero di ragazzi che ha abbandonato gli studi di 0,2 punti, restando però al di sotto della media nazionale (15,4%). Nel Veneto si trova la percentuale inferiore di abbandono, risultato ottenuto grazie a un buon numero di partenza (nel 2004 era il 18,1%) e da un buon trend registrato nel corso degli anni (-7,8 punti), che ha portato il risultato finale al 10,3%.

Secondo ‘Save de children’ la povertà educativa “è una mina innescata sul futuro di milioni di bambini e adolescenti italiani”. Povertà economica e povertà educativa, secondo l’associazione, “si alimentano reciprocamente e si trasmettono di generazione in generazione”. In Italia sono “notevoli le carenze di servizi e opportunità formative scolastiche ed extrascolastiche: solo il 14% dei bambini tra 0 e 2 anni riesce ad andare al nido o usufruire di servizi integrativi, il 68% delle classi della scuola primaria non offre il tempo pieno e il 64% dei minori non accede ad una serie di attività ricreative, sportive, formative e culturali”.

Nella tabella che segue vengono riportate le percentuali dei giovani che abbandonano prematuramente gli studi, divisi per regioni e aree geografiche, relativi al 2004, al 2013 e la differenza in punti percentuali.

Regione………………2004…………….2013…………..differenza%

Piemonte…………….22,2%………….15,8%……………-6,4

Valle d’Aosta………..22,3%………….19,8%……………-2,5

Liguria……………….16,3%…………..15,1%……………-1,2

Lombardia………….21,7%…………..15,4%……………-6,3

Trentino A.A……….21,6%…………..13,9%…………….-7,7

Veneto………………18,1%…………..10,3%…………….-7,8

Friuli………………….13,6%…………..11,4%…………….-2,2

Emilia…………………..20%……………15,3%……………-4,7

Toscana……………..20,9%……………16,3%……………-4,6

Umbria……………….13,2%……………11,9%……………-1,3

Marche………………16,7%…………….13,9%……………-2,8

Lazio………………….15,6%…………….12,3%…………..-3,3

Abruzzo……………..16,6%……………..11,4%…………..-5,2

Molise………………..15,2%……………..15,4%………….+0,2

Campania…………..28,6%………………22,2%…………..-6,4

Puglia……………….30,2%……………….19,9%…………-10,3

Basilicata…………..16,8%………………15,5%……………-1,4

Calabria…………….21,8%……………….16,4%…………..-5,4

Sicilia………………..30,6%………………25,8%…………..-4,8

Sardegna…………..30,1%………………24,7%……………-5,4

Nord-ovest…………21,4%………………15,5%……………-5,9

Nord-est…………….18,7%………………12,6%……………-6,1

Centro……………….17,1%………………13,7%……………-3,4

Centro-nord……….19,3%……………….14,1%……………-5,2

Mezzogiorno………27,6%……………….21,4%……………-6,2

Italia………………..22,9%……………….17%………………-5,9

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -