Isis, ora Londra ha paura e alza la guardia: “Oltre 3.000 sorvegliati”

 

Guardia alta a Londra contro possibili e temuti attacchi terroristici: i servizi segreti di Sua Maestà e la polizia antiterrorismo sorvegliano oltre 3.000 “estremisti nati in Gran Bretagna”, considerati capaci di compiere attentati in patria.

Lo rivela il Times, citando fonti del MI5, l’ente per la sicurezza e il controspionaggio del Regno Unito. Si tratta di uomini e donne, ma soprattutto in buona parte di teenager, “giunti a posizioni talmente radicali da essere considerati in grado di agire violentemente nel giro di settimane”.

Oltre la metà dei sorvegliati si trova a Londra, precisa il quotidiano. Altri punti caldi sono il West Midlands e Manchester.

Andrew Parker, direttore generale dell’intelligence britannica, ha dichiarato a Bbc Radio4 che “la maggior parte dei potenziali terroristi sono persone nate e cresciute” nel Regno Unito.

Secondo l’intelligence, circa mille cittadini britannici si sarebbero uniti ai gruppi jihadisti in Siria; 300 di loro sono tornati indietro, 70 sono stati uccisi combattendo in Siria e Iraq dal 2011.

Dal report annuale dell’attività jihadista è inoltre emerso che il numero dei sospetti è aumentato di oltre il 50 per cento dal 2007 e ha subito un’impennata con l’ascesa dello Stato Islamico.

La maggior parte dei jihadisti non sono mai stati in Siria e si sono radicalizzati sul web: “Gli estremisti con sede nel Regno Unito sono in grado di comunicare direttamente con i combattenti dell’Isis e le loro mogli nei forum web e sui social media. Il rischio principale è che questo tipo di propaganda può convincerli a compiere attentati senza aver mai combatutto nello Stato Islamic

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -