Ungheria, Orban: afflusso massiccio di profughi islamici, identità cristiana a rischio

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha affermato, in un commento pubblicato oggi sul quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz), che l’afflusso massiccio di profughi in maggioranza islamici – da Siria, Libia, Iraq, Africa – costituisce una minaccia per l’identità cristiana

profughi-budapest

.”Non si deve dimenticare che coloro che arrivano (…) sono i rappresentanti di una cultura profondamente differente”, afferma nel commento il capo del governo dell’Unghria, finita al centro dell’ondata migratoria. “Nella loro maggioranza, non sono cristiani, ma musulmani. E’ una questione importante, perché l’Europa e l’identità europea hanno radici cristiane”, prosegue.

Non è già preoccupante in sé – ha scritto ancora – che la cultura cristiana dell’Europa non sia quasi più capace di mantenere l’Europa nel sistema dei valori cristiani? Se si perde questo di vista, il pensiero europeo può ritrovarsi in minoranza sul suo proprio continente“.

Orban è attualmente a Bruxelles, mentre la principale stazione della capitale magiara è l’epicentro del dramma dei profughi, i quali cercano di partire verso l’Austria o la Germania.Il commento del premier magiaro ha provocato una risposta tagliente del presidente della Commissione europea Donald Tusk: “Vorrei sottolineare che per me essere cristiano in pubblico, nella vita sociale, significa avere un dovere verso i fratelli che hanno bisogno”.

E ha aggiunto che essere cristiani “significa mostrare che si è pronti a dar prova di solidarietà” e che “per un cristiano, questo non dovrebbe essere una questione di razza e di religione”.(Fonte Afp)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -