Presunti profughi non vogliono imparare l’italiano “ci interessa il francese”

Quando sono arrivati gli insegnanti con i libri di grammatica hanno scosso la testa e spiegato: «La vostra lingua non ci interessa, insegnateci il francese ». I 40 profughi dell’ostello di Canalbianco (Arquà Polesine) non hanno intenzione di restare in Italia, la loro meta è la Francia e quindi imparare la nostra lingua è uno spreco di tempo.

Di recente, la notizia è arrivata all’assessore Andrea Donzelli (Sport e Cultura): «Sono perplesso, mi chiedo se vogliano integrarsi – dice -, la cooperativa Porto Alegre che li segue è molto brava, mi pongo però domande su cosa vogliano i profughi».



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -