Il danno e le beffe: peschereccio confiscato in Libia, escluso dagli aiuti UE

L’armatore del peschereccio di Mazara del Vallo (Trapani) “Daniela L”", confiscato dai miliziani libici dopo il sequestro in acque internazionali avvenuto nell’ottobre 2012, e’ stato dal premio per la demolizione previsto dai regolamenti dell’Ue, per non aver effettuato i previsti 75 giorni pesca nell’anno 2013.

Lo rende noto il presidente del Distretto produttivo della Pesca, Giovanni Tumbiolo, che protesta: “Ma come avrebbe mai potuto pescare una imbarcazione che, per causa di forza maggiore, era ed e’ in stato di fermo nel porto di Bengasi?“, si chiede Tumbiolo, che punta il dito contro “il rigidismo di una assurda regolamentazione comunitaria che rischia di annientare definitivamente la gia’ provata e fragile economia ittica siciliana”. Tumbiolo, intervenuto a Marausa (Trapani), presso la sede dell’Associazione “Marauzak” presieduta da Elena Buscaino, a una tappa del “Road Show Filiera Ittica Siciliana”, ha rivolto un appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “La prima regola alla quale tutti ad ogni livello ci dovremmo attenere e’ il buonsenso”, ha sottolineato Tumbiolo. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Il danno e le beffe: peschereccio confiscato in Libia, escluso dagli aiuti UE”

  1. Che dire al proprietario che se era Clandestino, si sarebbero tutti interessati con una velocità stratosferica, Politici, Chiesa, ed anche l’UE, purtroppo sei Italiano e allora tutti ti remano contro, mi spiace per la tua diatriba che stai passando.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -