Cassazione: perdere il lavoro non costituisce grave danno alla persona

La perdita del lavoro non costituisce un «grave danno alla persona» per quel che riguarda il codice penale: per questo motivo, l’imprenditore che non paga le tasse per versare lo stipendio ai dipendenti e «salvarli dalla disoccupazione» deve essere condannato lo stesso.

DISPERATO-LICENZ

 

È quanto scrive la Cassazione, in una sentenza che ha confermato i quattro mesi di reclusione inflitti dalla Corte d’appello di Torino a un impresario cuneese. L’uomo era accusato di omesso versamento dell’Iva – con riguardo all’anno di imposta 2006 – per quasi 258 mila euro.

TEMPO DI GUERRA contro le animacce immonde del potere

Davanti ai giudici si era giustificato dicendo che l’azienda (una ditta di Fossano che produceva prefabbricati) era in preda a una grave crisi di liquidità, e che, quindi, aveva preferito privilegiare il pagamento delle retribuzioni ai dipendenti, salvaguardando «almeno per un anno» il loro posto di lavoro.

L’imputato, dunque, aveva invocato il cosiddetto «stato di necessità», che in base al codice esclude la punibilità di chi ha commesso un fatto per «salvare sé o altri dal pericolo di un danno grave alla persona».

«Pur essendo fuori discussione – scrivono i giudici – che il diritto al lavoro è costituzionalmente garantito, e che il lavoro contribuisce alla formazione e allo sviluppo della persona umana, deve escludersi tuttavia che la sua perdita costituisca, in quanto tale, un grave danno alla persona» sotto il profilo dell’articolo 54 del codice penale (lo «stato di necessità»).

IL MATTINO



   

 

 

2 Commenti per “Cassazione: perdere il lavoro non costituisce grave danno alla persona”

  1. Allucinante è discriminatorio!

  2. Ma questi Giudici cosa pensano quando sentenziano? Nessuno lo sa e non è giustificato dalle loro spiegazioni.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -