Siria, Isis torna a Kobane entrando dalla Turchia “è una mattanza”

Decine e decine di cadaveri sulle strade, centinaia di feriti barricati in casa, in attesa di soccorsi che difficilmente potranno arrivare: all’indomani del nuovo attacco dei miliziani dell’Isis, un abitante di Kobane, Mustafa Ebdi, racconta la drammatica situazione nella cittadina siriana diventata simbolo della resistenza all’avanzata jihadista. Un racconto disperato, accompagnato da nuove accuse contro la Turchia: “Ostacola l’ingresso dei feriti”. Secondo questa fonte locale, le vittime sono oltre 200. Un bilancio molto più pesante di quello diffuso stamattina dal’Osservatorio siriano per i diritti umani, secondo cui le vittime tra i civili sono almeno 120.

erdogan-isis

Oggi un portavoce dei combattenti curdi delle Unità di Difesa del Popolo curdo (Ypg) ha postato un appello su Facebook, chiedendo ai curdi della vicina città turca di Suruc di mobilitarsi per donare sangue. “Il numero delle vittime è terribile”, scrive Mustafa Bali in un post.”E’ stata una vera mattanza.

Tutto è cominciato ieri verso le quattro del mattino quando i jihadisti armati dell’Isis sono entrati dalla Turchia nel quartiere della dogana per poi proseguire e posizionarsi nella zona di Kani, in prossimità del centro, e da lì raggiungere il quartiere di Maqtadah, e la parte est di Kaziah darwish – ha dettagliato al telefono con askanews Ebdi – Un altro gruppo è entrato a Kobane arrivando da Sarin Marin, attraversando i valichi in compagnia di donne armate; tutti erano vestiti con le divise militari delle Ypg, (le Unità di Difesa del Popolo curdo, ndr.) Questo gruppo si è posizionato nel perimetro della scuola Al Aanin e nell’adiacente giardino pubblico, fino alla strada di Al Tell

.I terroristi si sono appostati sui sui tetti e hanno cominciato a prendere di mira i passanti, altri bussavano alle porte delle case, entravano e uccidevano chiunque trovassero dentro. Altri ancora sparavano all’impazzata, contro ogni persona capitasse a tiro”.”Secondo le primissime stime sono oltre 200 i morti: ci sono decine di cadaveri di civili nelle strade e all’interno delle case. Centinaia di civili feriti stanno all’interno delle loro abitazioni in attesa di soccorsi”, ma “la Turchia ostacola l’ingresso dei feriti” sul suo territorio.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -