Più di 7 milioni di spose bambine ogni anno “pedofilia legalizzata”

Sessanta milioni di matrimoni forzati nel mondo, 146 i Paesi dove le ragazze possono sposarsi al di sotto dei 18 anni e 52 dove il matrimonio è consentito prima di compiere i 15 anni. Dove invece la legge lo impedisce, si verificano comunque casi limite di matrimoni combinati con bambine anche di 8 o 10 anni.

spose-bambine

In Italia si parla di 2 mila ragazze nate nel nostro Paese ma costrette a sposarsi negli Stati di origine. Sono i dati presentati alla Camera dei deputati durante la conferenza ‘Avevo 12 anni quando è venuto un uomo a chiedere la mia mano: spose e madri bambine come fenomeno globale’, promossa dal Gruppo parlamentare ‘Salute globale e diritti delle donne’ e da Aidos, Associazione italiana donne per lo sviluppo.

La conferenza si è occupata anche del fenomeno delle madri bambine: ogni giorno, 20.000 ragazze sotto i 18 anni diventano madri nei paesi del sud del mondo. Ogni anno le madri adolescenti sono 7,3 milioni, quelle che partoriscono sotto i 15 anni 2 milioni. Numeri che, se le tendenze attuali proseguiranno potrebbe salire a 3 milioni l’anno nel 2030.

“Sono circa 70.000 le adolescenti nei Paesi del sud del mondo che muoiono ogni anno per cause collegate alla gravidanza e al parto”, ha sottolineato durante la conferenza Maria Grazia Panunzi, presidente di Aidos. “I dati ci restituiscono in modo immediato la realtà su cui lavorare: in Asia Meridionale, il 46% delle ragazze sotto i 18 anni è sposata, il 39% nell’Africa sub Sahariana, il 29% in America Latina e Caraibi, il 18% in Medio Oriente e Nord Africa. Spesso questa pratica viene utilizzata come strategia di sopravvivenza dalle comunità vulnerabili durante i confitti, le crisi economiche e i disastri naturali”.

Il matrimonio forzato, secondo la definizione della Forced Marriage Unit, unità creata dal governo inglese per monitorare il fenomeno nel regno Unito, è “un matrimonio in cui uno o entrambi gli sposi non consentono al matrimonio e viene quindi esercitata una costrizione. Quest’ultima può essere violenza fisica, psicologica, finanziaria, sessuale ed emotiva”. Per combattere questo fenomeno sono tanti i progetti portati avanti da Aidos, a Gaza, Nepal, Venezuela, Giordania, Siria, Burkina Faso e India. “Fondamentale è lavorare sull’empowerment delle ragazze per renderle consapevoli dei loro diritti e dell’importanza di avere anche ruoli diversi in ambito sociale ed economico, e non solo quello di moglie”, dice Panunzi. Inoltre è necessario “sensibilizzare le famiglie e le comunità” e “l’accesso delle ragazze ai servizi educativi di qualità”.

“E’ facile immaginare le conseguenze di quella che io chiamo ‘pedofilia legalizzata’: violenze, stupri, danni irreversibili per la salute, aborti, spesso, troppo spesso, la morte”, ha detto Pia Locatelli, coordinatrice del gruppo parlamentare ‘Salute e sviluppo delle donne’. “Anche la prole da gravidanze precoci ne soffre le conseguenze: chi nasce da una madre-bambina o comunque minorenne ha un’alta probabilità di morire in età neonatale e, anche quando sopravvive, corre maggiori rischi di denutrizione e di ritardi cognitivi o fisici”. Alle spose bambine “sono tolti tutti i diritti: all’infanzia, al gioco, alla spensieratezza”.

“L’azione per prevenire ed eliminare i matrimoni di minori, precoci e forzati – ha concluso Locatelli – richiede altrettanto impegno di quello profuso nella campagna mondiale per l’eliminazione delle mutilazioni genitali femminili e della quale l’Italia si è fatta promotrice in Europa. E’ necessario che questa piaga rientri a pieno titolo nel piano antiviolenza messo a punto da Governo, con un capitolo specifico e fondi adeguati che permettano indagini statistiche, formazione e campagne di informazione”.

ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -