Pentagono: Marines americani a bordo di navi da guerra italiane

marines

La Marina americana sarebbe a corto di navi da trasporto anfibie (ne ha 30 ma gliene servono altre 8 che non saranno pronte prima del 2028) per consentire rapidi interventi dei Marine nelle zone calde del pianeta. Con la scusa di scongiurare errori come il mancato intervento a Bengasi, che vide l’11 settembre del 2012 l’assalto del consolato Usa e l’uccisione del ambasciatore Chris Stevens, il corpo dei Marine sta valutando la possibilita’ di schierare contingenti fino a 120 uomini e 3/4 convertiplani (velivoli bimotori che decollano come elicotteri e volano come aeroplani) Osprey V22 su navi da guerra di Paesi alleati, tra cui le portaeromobili della Marina militare italiana. E’ quanto riferisce il quotidiano Usa Today aggiungendo che il Pentagono sta prendendo in considerazioni anche navi spagnole, britanniche e francesi.

Ma al momento e’ l’Italia il Paese Nato che sulla carta ha il maggior numero di unita’ in grado di ospitare i Marine: si tratta delle navi d’assalto anfibio San Giorgio, San Marco e San Giusto e le due portaerei Giuseppe Garibaldi e Cavour.
La Gran Bretagna priva di portaerei, ha tre navi da attacco anfibio. La Francia ha una grande portaerei a propulsione nucleare, la Charles de Gaulle e tre navi d’assalto anfibio classe Mistral. La spagna ha una nave d’assalto anfibio (Juan Carlo I) e due unita’ da trasporto anfibio, la Galicia e Castilla, mentre non ha piu’ la portaerei principe delle Asturie. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -