Slovacchia: proteste contro le quote immigrati, “Il multiculturalismo è genocidio”

 

Giornata del rifugiato all’incontrario a Bratislava. Migliaia di slovacchi sono scesi in piazza nella capitale per manifestare contro l’ipotesi che quote di migranti arrivati dal Mediterraneo vengano distribuite nei diversi paesi dell’Unione europea. La manifestazione era organizzata dal movimento anti-islamico Stop all’islamizzazione dell’Europa, in risposta alla proposta europea d’inviare in Slovacchia 471 migranti dall’Italia e 314 dalla Grecia.

“Siamo qui per difendere la Slovacchia”, ha dichiarato alla folla Marian Kotleba, governatore della regione di Banska Bystryca, nel centro del paese, e capo del partito di estrema destra Nostra Slovacchia.

slovacchia

I manifestanti portavano striscioni con frasi come “Il multiculturalismo è come il genocidio”, si accaniti contro le bandiere europee e hanno lanciato gas lacrimogeni contro i poliziotti.Bratislava accoglie fino a domenica la conferenza internazionale Globsec sulla sicurezza. Un altro summit, quello del gruppo di Visegrad (Ungheria, Polonia, Slovacchia e Repubblica ceca) s’è tenuto ieri alla presenza del capo dello stato francese Francois Hollande. I quattro paesi si sono detti contrari all’idea delle quote obbligatorie di migranti.Circa il 70 per cento degli slovacchi si dicono contrari ad accogliere nel loro paese immigrati dall’Africa del Nord e dal Medio Oriente, secondo un sondaggio pubblicato mercoledì.(Fonte Afp)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -