Cinese guadagna 300.000 euro all’anno e ne dichiara 10.000, denunciato

Grazie a un collaudato sistema di fatture false, a fronte di un fatturato medio di 2,5 milioni di euro l’anno non versava praticamente nulla all’Erario. E’ quanto ha scoperto la Guardia di Finanza di Lugo, nel Ravennate, che ha denunciato a piede libero un imprenditore cinese 38enne per uso di fatture per operazioni inesistenti. L’uomo, da una ventina d’anni in Italia, fino al 2012 aveva operato nel distretto Forlivese del divano per poi trasferirsi in un capannone del Lughese. Secondo le verifiche delle Fiamme Gialle, il 38enne, sebbene dichiarasse in media 10.000 euro all’anno, in realtà ne guadagnava fino a 300.000 riuscendo così a evadere negli ultimi quattro anni circa 2,2 milioni di tasse. Tanto che in totale tra il 2010 e il 2014 sono state scoperte fatture ritenute fasulle per 3,5 milioni di euro. Grazie a fatture per circa un milione di euro l’anno, il 38/enne era sostanzialmente in grado di pareggiare costi e ricavi sebbene le aziende che gli commissionavano i divani (colossi del settore) gli fornissero praticamente tutto il materiale necessario per una produzione rigorosamente Made in Italy di alta qualità, tanto che tra i pezzi figuravano modelli da 30 mila euro dotati di prese Usb e casse integrate per la diffusione della musica.

L’inchiesta – secondo quanto riportato in una nota – è scattata l’anno scorso quando, al momento dell’apertura di una verifica fiscale, i finanzieri lughesi si sono imbattuti in un’azienda, quella del 38enne appunto, all’apparenza perfetta: tanto lavoro, macchinari all’avanguardia e una catena di montaggio idonea a una produzione di rango. In totale 26 dipendenti, dei quali uno in nero, tutti di origine cinese. Perfetta, sempre all’apparenza, anche la contabilità. Quando però i militari hanno passato al setaccio i libri contabili, sono loro balzate all’occhio numerose fatture di acquisto emesse da altrettanti fornitori, sempre cinesi e tutti evasori totali o con partite Iva inattive da molto tempo. I controlli successivi hanno permesso di stabilire che le fatture emesse facevano riferimento a indirizzi inesistenti.

L’ultimo tassello investigativo è arrivato dalle anomalie riscontrate sui pagamenti: le fatture d’acquisto dei fornitori reali venivano pagate prevalentemente con bonifici bancari; mentre quelle dei fornitori fittizi venivano saldate in contanti o attraverso assegni poi incassati dallo stesso 38enne. Quelle somme, prelevate allo sportello della sua banca, venivano usate per spese personali o venivano inviate in Cina. ansa



   

 

 

1 Commento per “Cinese guadagna 300.000 euro all’anno e ne dichiara 10.000, denunciato”

  1. Adesso come la mettiamo? interverrà Equitalia, o fisco per poter recuperare l’evasione o faranno un concordato come si usa fare in Italia con gli evasori ad alte cifre.
    Vedere in Toscana quanto ce ne sono, ma nessuno li controllano, già aprono imprese poi la chiudono, poi riapre ad altro nome, ma può essere che i Finanzieri sono fessi? io dico di no, sicuramente sarà compito di qualche altro organo superiore a fare leggi idonee contro questi giochetti, e gli italiani per una bottiglietta di acqua minerale multa più chiusura del locale per tre giorni se non erro. Viva l’Italia

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -