“Progetto Vigevano”, candidato si toglie la vita alla vigilia delle elezioni

Ha scritto una lunga lettera su Facebook, chiedendo scusa per il suo gesto e poi si è tolto la vita, ieri notte, alla vigilia delle elezioni comunali per cui si era candidato come consigliere. Federico Cerutti aveva 27 anni ed era nella lista civica ‘Progetto Vigevano’, che sostiene il candidato sindaco Stefano Bellati (imprenditore ed esponente di punta a vari livelli in Confartigianato ).

Cerutti

 

Dottore di ricerca in genetica, biologia molecolare e cellulare – così si presentava agli elettori – chiede di non piangere per lui (“non ne vale la pena”) motivando così la sua scelta estrema: “Mi sento – scrive nel suo messaggio – sempre più stretto in questa umanità illusoria, falsa, priva di fondamenta e serietà, che lacera i propri sentimenti con la naturalezza di quando si respira“.

Sul posto, dopo il messaggio lasciato sul sociale network intorno alle 23 di ieri sera, sono arrivati i carabinieri di Vigevano e il 118, chiamati dagli amici e dai conoscenti del ragazzo, ma per lui non c’è stato nulla da fare. All’arrivo dei sanitari, Federico, che si è impiccato, era già morto. A scoprire il corpo è stata la madre, con cui il candidato al consiglio comunale viveva.

Secondo quanto si apprende, sembra che il giovane, finora, non avesse mai dato segni di questo malessere che, in ogni caso, non sarebbe legato alla sua candidatura, di cui parlava in questi termini: “Mai avrei pensato di interessarmi alla vita politica cittadina, né tantomeno di prendervi parte attiva, se non fosse stato per l’invito di Oscar Campari, mio conoscente da una vita, a partecipare ad una riunione della nascente Progetto Vigevano”. Persone “di varia estrazione sociale e tendenza politica, idee brillanti e sorrisi sui volti, questo fu il clima che mi accolse in quell’occasione e che mi ha accompagnato durante l’intero percorso intrapreso con questa squadra, con questa famiglia. Insieme abbiamo ragionato per ore, speso infinite parole per esprimere le nostre idee circa il futuro cittadino, macinato chilometri per volantinare, organizzato eventi per informare, instaurato dialoghi con i nostri concittadini e, per quanto mi riguarda, ritrovando un’umanità che ritenevo perduta e che invece batte nel cuore dei vigevanesi“.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -