Isis, nuova tattica dell’orrore: cadaveri imbottiti di esplosivo a Kobane

I corpi abbandonati tra le macerie, pronti a uccidere civili e soccorritori

kobane

 

Cadaveri decapitati e imbottiti di esplosivo, lasciati tra le macerie di Kobane, in Siria, e pronti a saltare in aria per uccidere civili e soccorritori. E’ l’ultima “tattica” dell’orrore messa in atto dallo Stato Islamico, che ha abbandonato la città a gennaio, di fronte all’avanza dei peshmerga e dei miliziani curdi. A denunciarlo è l’ong Handicap International (Hi).
Isis, nuova tattica dell’orrore: cadaveri imbottiti di esplosivo a Kobane

I tentativi di recuperare i corpi, spiega l’organizzazione, sono finiti in tragedia. Da allora, i cadaveri sono rimasti dove sono, continuando a decomporsi in attesa di sminatori esperti. Ma non è l’unica “trappola” preparata dagli jihadisti. Secondo l’organizzazione, nella città sono stati rinvenuti esplosivi progettati per restare attivi molto tempo. I ritrovamenti, in particolare, tra le macerie delle case, sotto mobili, automobili, trattori, o in aree coltivabili. Tutto questo con lo scopo non solo di uccidere, ma anche di impedire il ritorno sicuro dei civili alle loro case e ad una vita normale, creando il terrore.

Le Ong: “Così bloccano anche il nostro operato” – A Kobane, città simbolo della lotta all’Isis, quattro mesi di combattimenti hanno distrutto quasi l’80% degli edifici, ma anche lasciato un livello allarmante di contaminazione da ordigni inesplosi. “Quello che abbiamo visto è oltre i nostri peggiori incubi – ha detto Frédéric Maio, che coordina le operazioni di sminamento di HI – una parte significativa della città è stata distrutta e la contaminazione di armi inesplose di tutti i tipi ha raggiunto una densità e una diversità mai vista prima”. “Ordigni inesplosi e trappole esplosive rappresentano una minaccia quotidiana per le persone che stanno cercando di rientrare nelle loro case. Inoltre, impediscono alle organizzazioni umanitarie di operare in modo sicuro e di fornire il supporto necessario a questa popolazione così vulnerabile”. tgcom24



   

 

 

1 Commento per “Isis, nuova tattica dell’orrore: cadaveri imbottiti di esplosivo a Kobane”

  1. La malvagità di quei mostri non ha limite. Non possono neppure essere paragonati ai barbari che invadevano le terre italiane mille anni fa.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -