Alfano finge di difendere Salvini ma aizza i violenti

 

Alfano non si rende contro di aizzare i violenti contro Salvini. (O forse sì?). E’ disgustoso che un Ministro dell’Interno, mentre finge di difendere la libertà di espressione del leader della Lega, lo attacchi con parole che non faranno altro che alimentare il clima di violenza.

“Salvini cambia idea alla stessa velocità con cui cambia le felpe. Mi attacca tutti i giorni in modo mono-maniacale. Non condivido nulla di quello che dice ma farò di tutto per garantire sicurezza a tutti quelli che intendono manifestare. Salvini è in malafede quando attacca noi perché Berlusconi veniva bersagliato continuamente quando era presidente del Consiglio. Era colpa di Maroni per il lancio della statuetta? No. Questi attacchi gli servono per avere un di più di protagonismo. Lui parla ovunque”.

Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano in un’intervista a SkyTg24. “Nelle piazze dove ci sono i leader è normale” che possano esserci delle contestazioni. “Ieri per Salvini sono stati schierati oltre 8mila uomini”, ha precisato Alfano.



   

 

 

1 Commento per “Alfano finge di difendere Salvini ma aizza i violenti”

  1. Ma cosa ci si può aspettare da uno che sta in un partito compreso altri T…….i e come vede un pò di difficoltà cambia casacca o batte bandiera Panamense o meglio dirla tutta cambia partito che uomini e donne possono essere queste persone, ma tanto si sa che prima o poi faranno il botto sia Alfano che gli altri saltatori ad ostacoli, il tempo e scaduto quindi per lor signori le Olimpiade sono finite, e dopo voglio vedere dove correrete e con che cosa, si SALVINI ha cominciato come un Bulldozer ad andare avanti senza paura e i risultati stanno arrivando alla grande, ma Berlusconi grande e vaccinato ma come cazzo a potuto fare ad averlo nel suo partito compreso gli altri T…….i Incapaci e per fortuna se li sono presi i PDioti tanto sono della stessa pasta.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -