Nel 2014 la gestione dei migranti è costata all’Italia 630 milioni di euro

 

A un giorno dalla presentazione dell’Agenda sulle migrazioni della Commissione europea, e dopo la riunione dei capi di gabinetto per l’esame avanzato della bozza, i numeri sulle quote di migranti da ripartire tra i 28 Paesi sono ancora da decidere. Non si conosce neppure la  cifra dei reinsediamenti di richiedenti asilo da accogliere direttamente in Europa dai Paesi terzi.

Scrive IL TEMPO controproposta dell’Italia alla Ue. Intanto arriva la controproposta fatta dal governo italiano all’Unione Europea. Fissa in almeno 25 mila il numero delle persone che dovrebbero essere trasferite dal nostro Paese in altri Stati e in 250 milioni di euro il contributo europeo destinato a Roma per fare fronte all’emergenza, partendo dalle stime secondo cui nel 2014 la gestione dei migranti è costata all’Italia 630 milioni di euro e quest’anno si supereranno gli 800 milioni di euro.

Mentre l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini è impegnata a New York per convincere il Consiglio di sicurezza dell’Onu a prestare il suo cappello ad una missione europea per il contrasto ai trafficanti nelle acque libiche, con la distruzione dei barconi, a Bruxelles la redistribuzione dei richiedenti asilo resta la partita più difficile.

 



   

 

 

1 Commento per “Nel 2014 la gestione dei migranti è costata all’Italia 630 milioni di euro”

  1. 630MILIONI..? CHE VUOI CHE SIA UNA BAZZECCOLA . LI HANNO PRESI AI POVERI PENSIONATI . MINA A QUEI BRAVI POLITICI E CORTIGIANI DALLE MAZZETTE NEI PARADISI FISCALI.
    SE Cìè UN BUCO LA COLPA è DEI PENSIONATI : DURI A MORIRE.!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -