Islam, presidente Gambia: “Taglierò la gola ai gay, i bianchi non mi fermeranno”

Per i gay, è probabilmente uno dei peggiori Stati al mondo dove vivere e uno dei più pericolosi. In Gambia le persone omosessuali rischiano la vita, per esplicita ammissione del presidente Yahya Jammeh, che in un recente discorso pubblico ha minacciato di “tagliare la gola” ai gay, considerati alla stregua di un’epidemia da debellare.

gambia-Yahya-Jammeh

 

Il piccolo Stato dell’Africa occidentale è guidato da Jammeh da oltre vent’anni, dal colpo di Stato che nel 1994 portò al potere l’attuale presidente. Il Gambia è da tempo noto per essere uno dei Paesi più repressivi del globo per quanto riguarda i diritti dei gay: nel febbraio 2014 il presidente paragonò gli omosessuali ad una “pestilenza”, impegnandosi a “debellarli come si fa con le zanzare che diffondono la malaria”.

Pochi giorni fa, secondo quanto riporta Vice News, Jammeh ha minacciato uno sterminio senza precedenti: “Agli omosessuali verrà tagliata la gola – nessuno vedrà più un uomo che voglia sposare un altro uomo, in questo Paese: e non c’è nessun uomo bianco che possa farci nulla.”

Da tempo i Paesi occidentali hanno aspramente criticato il mancato rispetto dei diritti umani nel Paese africano e tanto gli Usa quanto la Ue hanno diminuito gli aiuti umanitari al Gambia. Per contro, molti aiuti arrivano invece dai Paesi musulmani, ben disposti ad aiutare uno Stato in cui il 95% della popolazione è islamica. il giornale

A persone come il presidente del Gambia il sinistriota Vendola ha dedicato la sua vittoria elettorale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -