Nuovo direttore del Corriere della Sera: giornali italiani troppo provinciali

fontana

 

“Il peggior difetto dei quotidiani italiani? Sono spesso un misto fra quotidiani di qualità e quotidiani popolari all’inglese e poi forse sono un po’ provinciali, hanno una visione sul mondo poco internazionale”. Questo il parere del nuovo direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana, intervistato ieri da Fabio Fazio durante la trasmissione ‘Che tempo che fa’ su Rai3.

Il radical chic Fontana ha lavorato per 11 anni nel quotidiano comunista l’Unità, prima di approdare al Corriere della Sera nel 1997.

Cosa avremo domani in prima pagina? Sicuramente l’incontro Castro e Papa e un titolo sull’immigrazione“, ha concluso. “La prima cosa che dobbiamo fare è pensare allo sviluppo del digitale. Dobbiamo attrezzarci perché anche su questi mezzi ci sia lo stesso giornalismo di qualità della carta”, ha sottolineato Fontana parlando della nuova linea editoriale.

Effettivamente l’incontro fra Castro e Bergoglio ha un aspetto interessante: nello stesso giorno in cui il presidente cubano  ha incontrato il papa, la figlia Mariela ha guidato un gay pride all’Avana per promuovere i diritti degli omosessuali, sotto gli occhi divertiti di un pretonzolo.

Niente è per caso. Sulle prime pagine dei grandi media finisce SOLO ciò che vuole il sistema. Luciano Fontana è già piegato.

cuba-pride-castro



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -