Sbarchi: varicella e scabbia ad Augusta, 150 immigrati in isolamento

scabbia

Varicella ad Augusta: 150 in isolamento – Circa 150 dei 675 migranti arrivati lunedì su nave Vega ad Augusta (Siracusa) sono stati messi in isolamento per casi sospetti di varicella e scabbia. Lo hanno disposto i medici a scopo precauzionale contro un possibile rischio di contagio. I migranti sono apparsi molto provati fisicamente. Agli investigatori hanno detto di essere “rimasti per lungo tempo, alcuni mesi, chiusi in capannoni in Libia” con “pochi viveri”, “trattati male” e di “avere pagato tra mille e 2mila euro a persona”.

Dal primo maggio sono almeno 8.300 i migranti salvati dalla guardia costiera e dalla marina militare italiana nel mar Mediterraneo tra la Libia e le coste siciliane e calabresi. Sabato 2 maggio sono state soccorse 3.690 persone, domenica 3 maggio almeno 2.861 persone e lunedì 4 maggio 1.600 persone. Di questi, almeno 6.500 sono già arrivati in diversi porti italiani:

Venerdì 1 maggio sono arrivati:

  • 220 migranti a Lampedusa a bordo della nave Fiorillo della guardia costiera

Domenica 3 maggio sono stati portati:

  • 88 migranti a Lampedusa
  • 29 a Pozzallo
  • 397 a Messina
  • 217 a Crotone a bordo della nave della marina militare francese Commandant Birot

Lunedì 4 maggio sono arrivati:

  • 675 persone ad Augusta con il pattugliatore Vega
  • 779 a Reggio Calabria
  • 329 a Lampedusa
  • 873 a Pozzallo sul rimorchiatore Asso Ventinove
  • 194 a Catania a bordo del mercantile Zeran
  • 397 a Messina
  • 382 migranti a Trapani, portati dal mercantile battente bandiera liberiana Santa Giorgina. Tra loro anche 78 donne (quattro in stato di gravidanza), un neonato e tre minori

Martedì 5 maggio:

  • 652 persone sono arrivate a Salerno con la nave Bettic
  • 483 arriveranno a Palermo, a bordo della nave Borsini
  • A Crotone, in Calabria, sono arrivate 211 persone a bordo della petroliera battente bandiera panamense Prince I
  • A Pozzallo sono arrivati 369 migranti sulla nave maltese Phoenix, gestita in collaborazione da Medici senza frontiere e dall’organizzazione privata Moas.

La maggior parte delle persone salvate è stata trasferita in diversi porti su imbarcazioni della guardia costiera, della finanza, della marina militare italiana e su navi mercantili di privati. “Tutte le chiamate di soccorso arrivano da imbarcazioni che si trovano oltre il limite delle trenta miglia, in cui opera Triton”, denuncia Flavio Di Giacomo, portavoce dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni in Italia, in un’intervista a Redattore Sociale. “La maggior parte addirittura chiama i soccorsi a cento miglia dalle coste italiane”. Anche se le navi di Triton avessero il mandato di soccorrere le navi in pericolo, rimanendo nel limite delle 30 miglia rischierebbero di arrivare troppo tardi.

i dati sono della Guardia costiera, Marina italiana



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -