I profughi? Sono persone sequestrate e poi vendute ai trafficanti

 

I trafficanti di uomini che organizzano i viaggi dei profughi che tentano di raggiungere l’Europa ‘comprano’ gruppi di profughi (con quali soldi?) da altre organizzazioni criminali operanti in Africa, che li avevano precedentemente sequestrati e poi venduti. Capito perché li fanno salire sui barconi sotto la minaccia delle armi?

profughi

E’ uno dei retroscena emersi dall’operazione ‘Glauco 2’ della Polizia di Stato, coordinata dalla Dda di Palermo, che oggi ha portato all’arresto di 14 trafficanti, mentre altri dieci sono riusciti a sfuggire al fermo perché in Libia. Tra i capi dell’organizzazione criminale spiccano Medhanie Yehdego Mered e Ermias Ghermay, operanti sul territorio africano tra il Centro Africa, in particoare in Etiopia, Sudan, Eritrea e la Libia, “rivestendo il ruolo di capi e promotori del sodalizio, provvedevano ad organizzare dapprima la rotta terrestre dei migranti per consentire loro di raggiungere le coste del Mediterraneo dove gestivano i luoghi per la loro concentrazione, anche vigilati da guardie armate, nei pressi di Zwarah e di Tripoli”, scrivono i magistrati nel provvedimento di fermo. Da qui, in seguito, organizzavano dietro compenso le traversate via mare “per raggiungere la Sicilia, nonché mettevano i migranti in contatto con i loro referenti sul territorio italiano per organizzarne la ricezione in Sicilia ovvero la fuga dai centri di accoglienza per poi aiutarli, dietro ulteriore pagamento, a raggiungere i paesi del Nord Europa individuati quale meta finale dal migrante”.

Operazione Mare Nostrum: l’ONU paga clandestini per venire in Italia

L’ONU vuole un «rimpiazzo» in Italia: 26 milioni di immigrati entro il 2050

Video – D’Alema: “abbiamo bisogno di almeno 30 milioni di immigrati”

Barbara Spinelli (Tsipras) “C’è bisogno di 10 MILIONI di immigrati”

Emma Bonino: “L’Europa avrà bisogno di 50 milioni di immigrati entro il 2050″

Ermias Ghermay Gestiva una rete tra Mineo e Catania, dove era conosciuto dalla comunità eritrea locale. «Lo avevamo avvisato: stai esagerando. Lui ci minacciò, tirò fuori un mazzo di soldi e ci disse: “Qui la vita funziona così”». Il centro per richiedenti asilo sarebbe stato usato da Ghermay anche come base per tenere sequestrati i migranti, in attesa che i parenti pagassero il riscatto per la loro libertà.

immigrati

«Ghermay andava a prendere i migranti –  scrive meridionews.it che arrivavano a Messina, a Pozzallo, a Siculiana, con mezzi propri o noleggiati. E li faceva entrare al Cara di Mineo, anche se non avevano alcun diritto a stare là. Li teneva sequestrati, fino a quando non arrivavano soldi dall’estero».

preghiera islamica al centro di Mineo

preghiera islamica al centro di Mineo

Ruolo importante quindi quello di  Asghedom Ghermay, operante in Sicilia, “rivestendo il ruolo di organizzatore del sodalizio, che provvedeva ad intrattenere i contatti con i trafficanti operanti in territorio africano al fine di organizzare la ricezione dei migranti che giungevano in Sicilia, anche mettendoli in contatto con i loro parenti e provvedendo a recuperare le somme di denaro per il successivo viaggio verso i paesi del Nord Europa individuati quale meta finale dal migrante, previa organizzazione della fuga dai centri di accoglienza e di tutte le attività logistiche”. Incluso “il trasporto e gli eventuali soggiorni per il viaggio in territorio europeo, dietro pagamento di una cifra oscillante tra I 250 ed i 1.000 euro a seconda del tipo di “servizio” offerto”.

Centro immigrati Mineo, con palme e climatizzatori

Centro immigrati Mineo, con palme e climatizzatori

 ONU: proseguire Mare Nostrum, in Europa serve manodopera a bassa qualifica

Crepeau (ONU): All’Europa spetta l’avvio di “un’apertura e mobilita’ regolamentate” attraverso l’accesso alla giustizia, la presa d’atto che serve in Occidente manodopera a bassa qualifica e l’abbattimento di quelle “barriere e proibizioni da cui e’ nato il modus operandi dei trafficanti di esseri umani e in cui questi prosperano eludendo le restrittive politiche migratorie di molti Stati membri dell’Ue”.

Quanto all’Italia, il relatore speciale ha preferito glissare sugli scandali che coinvolgono la gestione dei centri di accoglienza dei migranti a Roma. “Il tema non rientra nel mio mandato”, ha detto.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -