Il Real Madrid si inchina ad Allah: via la croce dallo stemma

2 dic – Dopo più di mille anni di storia gli arabi tornano a far cadere la corona spagnola, anzi questa volta solo la croce della corona ed ecco che sulla carta di credito araba viene mutato lo storico logo del Real Madrid.

real-madrid

 

Il 12 settembre scorso, Florentino Perez, presidente dei Los Merengues, ha annunciato un accordo triennale con la National Bank di Abu Dhabi, una delle più prestigiose istituzioni mondiali. Al momento dell’ accordo erano inoltre presenti col presidente 4 dei migliori giocatori del Real provenienti ognuno da una nazionalità diversa: Toni Kroos per la Germania, Karim Benzema per la Francia, Gareth Bale per il Regno Unito e Dani Carvajal per la Spagna. In quella occasione, è stata presentata la carta di credito in questione, emessa appunto dalla National Bank di Abu Dhabi, per la membership del Real Madrid. Ad un’attenta osservazione, il quotidiano sportivo Marca, prima di tutti aveva rilevato un’irregolarità nel logo in cima alla corona reale era stato volontariamente rimosso il simbolo della Cristianità, la Croce, per evitare “sofferenze o sconforto tra i clienti mussulmani”.

C’è chi asserisce che con questo gesto Perez abbia venduto agli arabi l’ identità della sua squadra e del suo paese, ma il presidente due mesi fa aveva già chiarito: “La gente del luogo vive ogni gara in modo speciale e i nostri legami con l’UAE sono sempre più forti. Questo accordo aiuterà il club a conquistare i cuori dei tifosi degli Emirati Arabi Uniti” e per conquistare i loro cuori avrà ritenuto opportuno evitare di offenderli….  libero



   

 

 

2 Commenti per “Il Real Madrid si inchina ad Allah: via la croce dallo stemma”

  1. La prossima mossa di servilismo ‘politically correct’ sarà di aggiungere una bella mezzaluna con stella al centro alla corona!!

  2. A quando un altro “CID “in Spagna…….penso presto !

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -