Sbarchi continui, Grillo sbotta: No al pietismo peloso, indagare le cause. Ira del PD

Condividi

 

grillo28 luglio – Proseguono senza sosta gli sbarchi sulle nostre coste. Al porto di Pozzallo sono arrivati 299 immigrati, siriani, iraniani e palestinesi, soccorsi in mare a bordo di un mercantile battente bandiera greca. Tra i profughi vi sono 52 minori e 46 donne, tre delle quali in stato di gravidanza.

Intanto su ’cause ed effetti’ dell’immigrazione interviene Beppe Grillo sul suo blog, in un post in cui attacca anche la gestione dell’accoglienza. “Il pietismo peloso verso gli immigrati clandestini che muoiono annegati, che fuggono dai loro Paesi verso l’ignoto nasconde sempre le motivazioni per cui delle persone sono costrette ad abbandonare le loro Patrie, i loro affetti per un salto nel buio – scrive Grillo – Noi siamo allo stesso tempo carnefici e salvatori dal cuore di pietra. Che fanno mostra di sé a Lampedusa o con discorsi sull’accoglienza sempre disattesi”.

sbarchi

Quando infatti questi poveri cristi arrivano, non vengono accolti, ma lasciati a sé stessi o rinchiusi in qualche centro. Non sono mai discusse le cause di questi esodi, ma fotografati solo i loro effetti perché fa comodo e anche molto radical chic (quanto ci sentiamo più buoni…). Chi vende armi ai Paesi di questi fuggitivi? Chi li bombarda allegramente? Chi ne sfrutta le risorse (spesso enormi)? Governi, multinazionali, aziende produttrici di armi. Sono queste le cause, ed è qui – continua Grillo – che bisogna intervenire, non sugli effetti, non sui barconi, ma nessuno apre bocca. Pecunia non olet. Le persone che muoiono annegate nel Mediterraneo, muoiono due volte, la prima in mare, la seconda per la nostra ipocrisia”.

A stretto giro la replica del Pd. “Grillo si vergogni due volte, per il Paese e per i morti”, dice Stefano Pedica, della direzione Pd. “La vergogna di Grillo non ha limiti, e le offese feriscono il nostro Paese e i morti innocenti vittime di una politica che li usa per ricattare l’Italia e l’Europa. Sul suo blog scrive il falso Grillo quando dichiara che gli immigrati quando arrivano non vengono accolti e curati, e quelli che il capocomico dichiara rinchiusi in qualche centro sono persone stremate da un viaggio disumano che vengono accolte nei centri di accoglienza, quindi non rinchiusi”, rimarca Pedica.

“Ho partecipato alle operazioni di sbarco anni fa e posso assicurare – prosegue – che nessuno fa fotografie, ma si rimbocca le maniche per aiutare la cittadinanza e gli immigrati. Come disse Renzi tempo fa: ‘Grillo esci dal tuo blog’, forse è arrivata l’ora che anche il capocomico con i suoi ‘cittadini parlamentari’ si rimbocchino le maniche e aiutino chi soffre invece di pensare a dire fesserie”.

Ma ad andare all’attacco è anche la Lega. “Altri 299 immigrati sono sbarcati in Sicilia. Invece di fare lo sciacallo a Genova, sorridendo sulla bara galleggiante della Concordia, un presidente del Consiglio normale sarebbe in Sicilia – afferma il segretario della Lega, Matteo Salvini, sul suo profilo Facebook – Ma non stiamo vivendo mesi normali. Stop a Mare Nostrum”.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -