16enne disabile stuprata da un bengalese «Quell’uomo mi ha fatto male»

violenza2PADOVA, 26 luglio – Torna a casa con un mazzo di fiori e una coca cola, è scossa, turbata, ha solo 16 anni ed è appena stata stuprata. Terribile vicenda a Padova, vittima una ragazzina con un gravissimo ritardo mentale, carnefice un bengalese, Zahirul Zahirul, 39enne residente in città, arrestato per violenza sessuale. L’immigrato è stato raggiunto dall’ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal gip euganeo Domenica Gambardella su richiesta del pm Roberto Piccione.

Sono stati i genitori della minore ad accorgersi che la figlia, rientrata a casa con un mazzo di fiori e una coca cola, era particolarmente scossa e ha raccontato di uno straniero con dei fiori che le aveva «fatto male».

L’attenzione della polizia si è poi incentrata sull’indagato, che ha un negozio di fiori proprio a Padova e , grazie ai filmati di alcune telecamere, ha notato che il bengalese entrava nel box con la sedicenne uscendone venticinque minuti dopo. Il cerchio si è definitivamente chiuso con l’esito dell’Istituto di medicina legale che ha analizzato gli indumenti della ragazza riscontrando tracce di liquido seminale il cui Dna combaciava con quello del bengalese.

 

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “16enne disabile stuprata da un bengalese «Quell’uomo mi ha fatto male»”

  1. Grazie ai nostri governanti, si certo che la colpa e loro accompagnati dalla magistratura, per tantissimi motivi ed e’ solo per questi incapaci che succede questo e anche di peggio, si, grazie ai nostri voti e grazie alla vera mafia ma principalmente grazie a me stato italiano e a tutti i cittadini italiani che insieme formiamo lo stato italiano ecco, e’ grazie a noi in primis che succede quello che e’ successo e ha subìto questa povera disabile con rit.psico motorio e, come sempre ci risentiremo in commenti alla prossima violenza fisica sempre per colpe nostre che da vigliacchi non siamo in grado di estirpare il marcio dalla nostra societa’ cioe’ i nostri governanti e chi ci rappresenta giuridicamente, si siamo noi i veri colpevoli del quanto e’ avvenuto avviene e avvera’ sempre in delitti che porteremo sempre nella nostra coscienza ,

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -